Non possono urlarlo, così i giovani russi indossano il ‘no alla guerra’ sfidando qualsiasi repressione

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il popolo russo contrario all'invasione scrive "no alla guerra" sui propri vestiti, borse e mascherine per esprimere il loro rifiuto alla violenza

i giovani russi indossano il 'no alla guerra'

©kanzlerin_grchk & ha1rasha / Twitter

Mentre il mondo urla “no alla guerra”, il popolo russo viene censurato. Secondo OVD-info, una organizzazione per i diritti umani specializzata nella difesa dei detenuti, da quando l’invasione russa dell’Ucraina è iniziata, oltre 5.900 persone sono state detenute durante le manifestazioni contro la guerra. Nessuna repressione però può zittire il desiderio di pace.

i giovani russi indossano il 'no alla guerra'

©Stern_Ritter_U & ndrblknsk / Twitter

Senza urla, la voglia di fermare la follia della guerra per le strade della Russia si esprime con il silenzio. I giovani russi manifestano indossando нет войне, ovvero “no alla guerra” sui propri vestiti, mascherine, borse, zaini o bracciali con la speranza di far tacere le armi. Sui social gli hashtag #нетвойне e #тихийпикет (protesta silenziosa) stanno diventando virali.

Solo perché mi è stato proibito di “parlare della guerra” non significa che starò zitta! Fate sapere a tutti quelli che leggeranno cosa ne penso”, scrive in un tweet Loli-NJ

Non posso più nascondermi”, scrive @artophrog

Come loro, sono tanti i giovani che – nonostante la consapevolezza che persino una pubblicazione sui social potrebbe diventare motivo di persecuzione politica – condividono il desiderio che le ostilità cessino, e protestano indossando messaggi antimilitaristi sotto forma di un “picchetto silenzioso”: seduti in un vagone della metropolitana, su un autobus, su un tram in modo che gli altri passeggeri possano leggere facilmente il testo con la loro voglia di pace.

i giovani russi indossano il 'no alla guerra'

©arna_lin & 825v /Twitter

Secondo il Movimento Femminista Unito di San Pietroburgo questo è la forma meno rischiosa per protestare contro la guerra in Russia ed è anche un modo per esprimere solidarietà a Daria Serenko, attivista e creatrice del #тихийпикет che ha da poco scontato 15 giorni per un post su Instagram e ad altri attivisti che sono in arresto.

Siamo convinti che lo stato arresti i più attivi di noi, sperando di impedire la protesta, ma lo stato dimentica che è impossibile mettere dietro le sbarre idee e strategie attiviste”, dichiara il movimento.

Una protesta che fa più rumore di qualsiasi urlo. No alla guerra.

Segui tutti gli aggiornamenti sullo Speciale Guerra Ucraina

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonte: OVD-info / Daria Serenko / тихийпикет

LEGGI anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Comunicatrice sociale specializzata in giornalismo ambientale e terzo settore, un master in Comunicazione Ambientale e uno in Innovazione Sociale. In greenMe ha trovato il suo habitat ideale.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook