Perché Eminem si è inginocchiato durante la sua esibizione al #SuperBowl (e il suo gesto è importante)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Gesti come questo, ginocchia a terra e, a volte, pugno chiuso in alto, sono entrati ormai nel linguaggio dello sport, dall’NBA alla Formula 1. Il primo a inventare il gesto antirazzista fu Colin Kaepernick

E così anche Eminem si è inginocchiato. È successo al Super Bowl di domenica al SoFi Stadium di Inglewood, in California. Sulle ultime note della sua Lose Yourself, hit del lontano 2002, si è messo in ginocchio sul palco, nonostante le apparenti obiezioni della National Football League.

Alla spettacolarissima finale del campionato della NFL, piena zeppa di star, quello del cantate di Detroit è stato un gesto di protesta contro la brutalità della polizia e la disuguaglianza razziale. Prima della manifestazione, i rumors dicevano che proprio la National Football League non avesse concesso all’artista hip hop il permesso di inginocchiarsi. La NFL avrebbe poi smentito, ma resta un mistero.

Un gesto, quello di Eminem, che viene dal lontano 2016, quando il quarterback della squadra dei San Francisco 49ers Colin Kaepernick si inginocchiò in segno di protesta durante l’esecuzione dell’inno statunitense prima di una partita.

Soprattutto negli States, inginocchiarsi è ormai diventato un simbolo della lotta al razzismo, ma vero è che Colin Kaepernick non gioca più in nessuna squadra.

Altro gesto eclatante? Guardate qui 😉

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonte: Twitter

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per greenMe dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook