Elezioni europee 2024, quanto sono presenti crisi climatica e ambiente nei dibattiti in TV?

Le elezioni europee si terranno nei 27 Stati membri dell'Ue tra il 6 e il 9 giugno. Siamo dunque in piena campagna elettorale, ma i nostri candidati quanta attenzione stanno riservando ai temi ambientali? La risposta, ahinoi, non ti lascerà sorpreso

AAA cercasi ambiente e crisi climatica: nemmeno col binocolo si vedono i grandi temi ambientali nei discorsi dei nostri leader politici. Al centro dell’agenda dell’informazione politica in queste settimane c’è infatti tutt’altro, a partire dal premierato per finire alle inchieste sulla corruzione in Liguria.

Il dato è purtroppo certo: tra dichiarazioni rilasciate in talk show, TG e pagine Facebook, clima e ambiente sono infatti i grandi assenti nel dibattito politico in questa fase di campagna elettorale per le europee. A dirlo in un interessante report sono Greenpeace e Osservatorio di Pavia, che hanno monitorato i discorsi di 11 leader politici italiani presi a campione.

Leggi anche: Verso le elezioni Europee 2024: gli elettori più preoccupati per il clima potranno influenzare il voto

Nella fase iniziale della campagna elettorale italiana per le elezioni europee, il clima è insomma il grande assente nel dibattito politico: solo nell’8% delle dichiarazioni dei principali leader politici italiani si fa almeno un accenno alla crisi climatica, ma quelle realmente dedicate al riscaldamento del pianeta sono appena il 4% e includono anche le dichiarazioni contrarie alle azioni per il clima. Se comprendiamo anche i temi ambientali non collegati alla crisi climatica, la percentuale di dichiarazioni arriva a poco meno dell’11%.
Il rapporto

Lo studio è stato condotto analizzando le dichiarazioni dei principali 11 leader politici italiani postate su Facebook, raccolte nelle edizioni serali dei telegiornali delle reti Rai, Mediaset e La7 e nei principali talk show politici e programmi televisivi di approfondimento nel periodo dal 1° al 14 maggio. L’elenco delle figure politiche comprende: Bonelli, Calenda, Conte, Fratoianni, Magi, Meloni, Pichetto Fratin, Renzi, Salvini, Schlein e Tajani.

dibattiti pol

Fra questi, i quattro leader che più parlano di ambiente in relazione al numero di dichiarazioni sono Pichetto Fratin, Bonelli, Magi e Salvini. Grandi assenti dal dibattito su clima e ambiente sono le due principali protagoniste della campagna elettorale, Schlein (7,8% delle dichiarazioni) e Meloni (appena il 3,4%). La comunicazione dei rappresentanti del Governo si distingue però per la messa in discussione delle politiche del Green Deal europeo e per la rivendicazione di una “via italiana” alla transizione ecologica, fortemente connotata da resistenze alla transizione energetica.

dibattito pol

Nonostante le alluvioni che hanno colpito il nord Italia pochi giorni fa, le temperature record degli ultimi mesi e un’estate di siccità alle porte che rischia di mettere in ginocchio tutto il centro-sud, la maggior parte della politica italiana sembra del tutto indifferente alla crisi climatica e alle azioni necessarie per fermarla, dichiara Federico Spadini, campagna Clima di Greenpeace Italia.

Dall’analisi emerge anche che telegiornali e programmi televisivi di approfondimento determinano i temi degli interventi dei leader politici e dedicano uno spazio quasi nullo a clima e ambiente. E allora di che si parla?

Al centro dell’agenda dell’informazione politica in queste due settimane sono:

  • l’inchiesta per corruzione che ha coinvolto la Regione Liguria e il suo governatore Giovanni Toti
  • la proposta di introduzione del premierato
  • il diritto di manifestare in relazione alle proteste pro Palestina e alle contestazioni alla ministra Roccella
  • la presenza nelle liste della Lega del generale Vannacci, quella di Ilari Salis per Alleanza Verdi Sinistra e le candidature ‘ingannevoli’ di esponenti politici che non andranno a sedere al Parlamento Europeo

Non mancano infine i temi della difesa – soprattutto la critica di Salvini alla proposta di Macron di inviare truppe in Ucraina – quelli economici, con la discussione sul Jobs Act, il Super Bonus, la Sugar Tax e la proposta del salario minimo rilanciata da Elly Schlein e quelli della sanità, con il diritto alla salute portato avanti sempre dalla segretaria del PD.

I risultati del monitoraggio sui temi ambientali nella campagna elettorale per le elezioni europee 2024 sono QUI.

Non vuoi perdere le nostre notizie?

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Iscriviti alla newsletter settimanale
Seguici su Facebook