“Non toccare i miei vestiti”: le donne afghane indossano i loro coloratissimi abiti tradizionali per protestare contro i talebani

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Le donne afghane hanno avviato una campagna online per protestare contro il codice di abbigliamento dei talebani.

Le donne afghane hanno avviato una campagna online per protestare contro il codice di abbigliamento dei talebani. Postano le loro foto con abiti e usi tradizionali. E sono bellissime

Sono a colori, vivaci, energici. Sono spettacolari. Sono gli abiti tradizionali delle donne afghane: un mix di tinte brillanti, abbellimenti e trame che stanno riempendo il web grazie a Bahar Jalali, ex professoressa di storia all’American University in Afghanistan.

Leggi anche: Sottomissione o morte: la “vita” che attende le donne afghane (di nuovo)

Proprio lei ha dato il via a una campagna online con un tweet per protestare contro le imposizioni dei talebani sull’espressione del corpo femminile, pubblicando una foto con i suoi abiti tradizionali.

Nessuna donna ha mai vestito così nella storia dell’Afghanistan – scrive. Questo è completamente estraneo e alieno alla cultura afghana. Ho postato la mia foto con il vestito tradizionale afghano per informare, educare e sfatare la disinformazione che viene propagata dai talebani.

Da lì, in poche ore, il suo post è diventato un monito contro il buio imposto dal regime talebano e decine di donne hanno seguito il suo esempio:

 
Per loro né  niqab né burqa, ma solo tanti, tantissimi colori. A viso scoperto. 
 
Seguici su Telegram | Instagram Facebook | TikTok | Youtube
 
Fonte: Twitter
 
Leggi anche:
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per greenMe dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook