La California legalizza il compostaggio umano: i defunti potranno essere trasformati in concime (senza inquinare)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Per ridurre le emissioni di Co2, la California ha legalizzato il compostaggio umano, un processo in cui il corpo si scompone nel suolo in circa 30 giorni. Sarà possibile diventare concime per campi dal 2027

Dal 2027 la California offrirà ai defunti un’alternativa alla sepoltura tradizionale e alla cremazione: diventare concime per campi e giardini, senza produrre inquinamento. Il disegno di legge è stato firmato dal governatore Gavin Newsom in questi giorni e consentirà appunto il compostaggio umano nel 2027.

Il disegno di legge 351 ha come scopo quello di creare un processo di regolamentazione statale per la riduzione biologica naturale, I sostenitori affermano che è un’alternativa ecologica alle tradizionali opzioni di sepoltura. La cremazione, ad esempio, è un processo ad alta intensità energetica che produce emissioni di anidride carbonica, mentre le sepolture tradizionali utilizzano sostanze chimiche per conservare i corpi in una bara che non è biodegradabile.

In realtà, in alcuni Stati americani tutto questo è già possibile. Ad esempio, lo stato di Washington ha legalizzato la riduzione organica naturale nel 2020, consentendo di utilizzare di concimare una parte di foresta donata poi alla famiglia del defunto.

Il Colorado ha emanato una legislazione simile, ponendo come divieto quello di concimare terreni coltivati con prodotti commestibili. La stessa possibilità la stanno prendendo l’Oregon, Delaware , Hawaii e Vermont. La riduzione organica naturale consente un ritorno letterale alla terra, ad d alcune persone piace l’idea di trovarsi in una foresta quando muoiono. In California, questo è il terzo tentativo di approvare il disegno di legge.

“Poiché i cambiamenti climatici e l’innalzamento del livello del mare rappresentano minacce molto reali per il nostro ambiente, questo è un metodo alternativo di eventuale smaltimento che non contribuirà alle emissioni nella nostra atmosfera”, ha affermato Cristina Garcia, prima firmataria del disegno di legge.

Secondo Garcia, per ogni persona compostata, l’impatto ambientale è immediato. Le aziende che offrono compostaggio umano affermano che per tutti coloro che optano per la sepoltura o la cremazione, si salverà l’equivalente di una tonnellata di carbonio dall’immissione nell’ambiente.

Tra gli oppositori c’è la Convenzione cattolica della California che afferma che il processo “riduce il corpo umano a un semplice prodotto usa e getta”.

“La pratica di seppellire rispettosamente i corpi o di onorare le ceneri dei defunti è conforme alla norma quasi universale del rispetto e della cura del defunto”, ha affermato il gruppo Public Policy Voice della Chiesa cattolica in California.

Voi cosa ne pensate?

Non perderti tutte le altre nostre notizie, seguici su Google News e Telegram

Leggi anche:

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook