Il Badante Agricolo di Comunità: coltivare l’orto per coltivare relazioni e opportunità

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

In questi giorni si conclude una nobile iniziativa che ha messo in contatto giovani richiedenti asilo e anziani bisognosi di aiuto

 

In questi giorni si conclude una nobile iniziativa che ha messo in contatto giovani richiedenti asilo e anziani bisognosi di aiuto e compagnia

Il progetto “Badante Agricolo di Comunità” è nato con il duplice obiettivo di trovare un ruolo attivo in società ai giovani migranti richiedenti asilo e di aiutare le persone più anziane: un’occasione di socialità e di inclusione, che ha permesso a due realtà tanto diverse per nazionalità, estrazione sociale ed età – i giovani immigrati nel nostro territorio e gli anziani residenti – di incontrarsi, di conoscersi e di imparare a comprendersi, superando difficoltà e pregiudizi. Il progetto è stato finanziato grazie ai contributi del Global Found for Community Foundations e alla collaborazione delle associazioni Ecoredia e Se.Mi.

Il progetto ha preso avvio lo scorso maggio e si è sviluppato in due fasi: nella prima un gruppo di 16 migranti ha partecipato ad un corso di formazione relativo alla manutenzione dell’orto e del giardino (la formazione si è svolta presso l’Orto della Palude di Ivrea e l’Orto-giardino sociale di Castellamonte); nella seconda fase, invece, le associazioni organizzatrici hanno raccolto le richieste di adesione al progetto fatte dagli anziani e dalle loro famiglie. Successivamente, si è combinato un incontro fra gli anziani e i ragazzi, che hanno così iniziato il loro lavoro di “badanti agricoli”: insieme agli anziani si sono dedicati alla cura dell’orto, scambiandosi saperi e conoscenze, mescolando le reciproche culture e migliorandosi a vicenda.

L’orto diventa così un luogo di incontro, di comunità, di scambio fra la popolazione residente e i “nuovi” cittadini, che molto spesso sono sfuggiti a povertà e conflitti. Una iniziativa virtuosa che rappresenta la riqualificazione delle aree verdi urbane con particolare attenzione ai valori dell’inclusione sociale e dell’inserimento dei migranti nel mondo del lavoro. Infatti, se nei primi mesi i badanti sono stati retribuiti dalle associazioni promotrici dell’iniziativa, alla conclusione del progetto le famiglie degli anziani sono state invitate ad “adottare” il badante agricolo, attivando per lui un libretto famiglia e dandogli una possibilità lavorativa concreta.

Badante agricolo di comunità iniziativaIl manifesto dell’iniziativa (@ Ecoredia)

Certamente il risultato che per primo balza agli occhi è stato quello di aver creato un’opportunità occupazionale regolare per i migranti. Ma c’è un risultato ancor più nobile che è stato raggiunto con questo progetto: aver favorito la conoscenza fra culture e generazioni diverse, aver reso possibile un aiuto reciproco fra due realtà – quella dei migranti e quella degli anziani che troppo spesso soffrono di solitudine – che altrimenti non sarebbero venute in contatto. Speriamo che questa iniziativa venga presto ripetuta e che si espanda anche ad altri orti urbani!

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Fonte: Ecoredia

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Sono laureata in Lingue e Culture Straniere. Da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile, tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook