Attraverso i miei occhi, la storia vera di una amicizia indissolubile tra un uomo e il suo cane Golden Retriever

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Una storia commovente ha ispirato un romanzo bestseller e il film Attraverso i miei occhi, dove protagonista è l'amicizia tra un uomo e il suo cane, un Golden Retriever che trascorrerà tutta la sua vita accanto al suo adorato amico umano, raccontando ogni momento dal suo punto di vista

Un legame inscindibile, che non si affievolisce nel tempo e che le parole a stento riescono a descrivere. È fatto di sguardi, fiducia, vicinanza. Questo è il rapporto speciale e unico che si crea tra una persona e il suo cane. E chi ha il privilegio di avere accanto un cane lo sa bene.

Propria questa amicizia così pura e profonda è al centro del film Attraverso i miei occhi. La pellicola si ispira infatti a una storia vera, raccontata nel romanzo bestseller di Garth Stein L’arte di correre sotto la pioggia. Protagonisti sono un uomo di nome Denny ed Enzo, il suo Golden Retriever.

Una vita trascorsa l’uno accanto all’altro, vista attraverso gli occhi di Enzo, la cui voce nella versione italiana è del grande Gigi Proietti. Ed è proprio il Golden Retriever ad accompagnare il suo prezioso amico umano in tutte le sfide che il futuro gli metterà davanti, narrando le loro vicende dalla sua prospettiva.

“Mi chiamo Enzo. Adoro guardare la TV, soprattutto i documentari del National Geographic, e sono ossessionato dai pollici opponibili. Amo il mio nome, lo stesso del grande Ferrari, anche se d’aspetto non gli assomiglio per niente. Però, come lui, adoro le macchine. So tutto: i modelli, le scuderie, i piloti, le stagioni…

Me lo ha insegnato Denny. Denny è come un fratello per me. Tra noi è stato amore a prima vista. Ne abbiamo passate tante, negli anni che abbiamo trascorso insieme. Ci sono stati l’incontro con Eve, la nascita di Zoè, il processo per il suo affidamento… Ah, ho dimenticato di dirvi una cosa importante: sono il cane di Denny, e questa è la mia storia” questo l’incipit del romanzo.

Sarà stato il destino, la fortuna, ma l’unica cosa che sapevo è che ero il cane fatto per lui, confessa Enzo nel film.

Anche per Denny Enzo era il cane perfetto, anzi molto più di un cane, “una persona” come lo descrive più volte, sempre al suo fianco in ogni avventura.

Una storia meravigliosa, commovente e struggente, che ci fa riflettere su quanto straordinaria sia l’affinità che si crea con i nostri amici a quattro zampe, parte integrante della nostra famiglia più che semplici animali domestici.

E la scienza ha già ampiamente dimostrato quanto la presenza di un cane sia una vera medicina per il cuore.

Fonte: 20th Century Studios Italia

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Lingue, attivista e volontaria per i diritti degli animali. Amante della cucina vegetale, di vini rossi e di tutto ciò che profumi di cannella.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook