Volontaria muore mentre cerca di salvare i cani dallo tsunami di Tonga

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La donna, un'inglese di cinquant'anni, aveva fondato insieme al marito un rifugio per cani randagi e abbandonati sull'isola

La donna, un’inglese di cinquant’anni, aveva fondato insieme al marito un rifugio per cani randagi e abbandonati sull’isola

L’animalista britannica Angela Glover è una delle vittime accertate dello tsunami di Tonga, avvenuto a seguito della violenta eruzione del vulcano presente sull’isola. Il suo corpo, insieme a quello di un’altra donna, è stato ritrovato a più di 48 ore di distanza dalla tragedia che ha coperto l’isola con una nuvola di cenere nera e ha provocato onde alte più di un metro lungo le coste delle isole dell’arcipelago, ma anche delle Hawaii, del Giappone e della California e danni a interi villaggi costieri. Attualmente, un’altra persona risulta dispersa.

Angela, 50 anni, viveva a Tonga insieme a suo marito James, con il quale gestiva un rifugio per cani randagi e abbandonati. Si trovata sulla spiaggia quando si sono sollevate le onde anomale che hanno travolto lei, il marito e alcuni cani di cui i due si prendevano cura: James è stato in grado di aggrapparsi ad un albero e in questo modo di salvarsi, ma per Angela e per i cani non c’è stato nulla da fare – solo uno degli animali è stato ritrovato, già morto, alcune ore dopo lo tsunami.

È stato lo stesso James a denunciare alle autorità locali la scomparsa della moglie e ad avvertire l’ambasciata britannica presente sull’isola. Nata a Brighton (in Inghilterra), un passato nel mondo del marketing e della pubblicità, aveva sposato James nel 2014 e lo aveva convinto a lasciare il Regno Unito e a trasferirsi nel Pacifico del Sud, per vivere una vita a stretto contatto con la natura. Sull’isola di Tonga ha dato vita alla Tonga Animal Welfare Society, un’associazione no-profit per prendersi cura dei cani abbandonati in strada e ricollocarli in nuove famiglie adottive.

Riuscire a recuperare informazioni su quanto accaduto è stato molto difficile, poiché l’eruzione del vulcano e il successivo tsunami hanno distrutto i cavi di comunicazione sottomarini che rappresentano la rete di comunicazione dell’isola e hanno provocato l’interruzione delle comunicazioni in gran parte del paese. James ha potuto comunicare con i familiari della donna ancora in Inghilterra grazie ad un telefono satellitare messo a disposizione dall’ambasciata inglese a Tonga.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonte: BBC

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Sono laureata in Lingue e Culture Straniere. Da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile, tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook