Addio Vivienne Westwood: la stilista più sovversiva di sempre, amica del Pianeta e degli animali

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Si è spenta all'età di 81 anni l'iconica stilista inglese Vivienne Westwood, designer unica nel suo genere al fianco del Pianeta e degli animali. Ne danno notizia i suoi profili social, comunicando la dipartita della stilista

Addio Vivienne Westwood, l’iconica stilista inglese ci ha lasciati il 29 dicembre all’età di 81 anni. Da tempo combatteva in silenzio una malattia. La sua è stata una carriera ricca di inconfondibile audacia, successi provocatori e battaglie nel sociale, ma non solo.

Nata nel 1941 nel Derbyshire, Inghilterra, da due operai del settore tessile, la Westwood si è avvicinata alla moda studiando a Londra e lanciandosi da autodidatta con il suo stile unico, a tratti irriverente. Fu proprio lei a creare lo stile punk e a rivoluzionare le passerelle con il suo animo estroso e ribelle.

E su quelle passerelle non ha fatto sfilare solamente i suoi stimati modelli e modelle, ma le ha utilizzate per mettere in luce tematiche attualissime in cui credeva fermamente. E lo ha fatto a modo suo, con scritte sulle magliette a messaggi inequivocabili. Ha acceso letteralmente i riflettori sulla necessità impellente di salvaguardare il nostro Pianeta, combattere i sistemi di potere e orientare il mondo del fashion verso una rivoluzione green.

Assieme a Stella McCartney è stata la portabandiera della moda senza pellicce nel suo Paese, chiedendo di bannarle ufficialmente nel Regno Unito. Già nel 2007 aveva comunicato alla PETA la sua decisione di abbandonare completamente le pellicce nelle sue collezioni. Subito dopo ha infatti donato 8 borsette da lei create con inserti in pelliccia di coniglio, i suoi ultimi pezzi con pelo animale.

Si era esposta al fianco di Save The Artic nel 2013, protestando contro le trivellazioni nell’Artico e la pesca intensiva in quelle acque. Aveva realizzato la collezione Speciale Rainforest in collaborazione con Marie Claire per combattere la deforestazione delle foreste pluviali e proteggere le tribù locali.

Poi le sue manifestazioni contro la guerra e il consumismo. Scendeva in piazza come pochi, usando la sua notorietà per lasciare messaggi troppo a lungo inascoltati. “Buy less, choose better, make it last – compra meno, scegli meglio e fallo durare” era il suo celebre motto per una moda sostenibile su tutti i piani.

Se avessimo la cultura invece del consumo – che è ognuno per sé, senza relazionarsi con gli altri – non avremmo il cambiamento climatico, aveva commentato tempo fa.

I profili della stilista hanno dato la notizia della sua scomparsa, volendo ricordare il grande impegno e amore dell’artista verso il suo lavoro e verso il mondo intero.

Vivienne ha continuato a fare le cose che amava, fino all’ultimo momento, disegnando, lavorando alla sua arte, scrivendo il suo libro e cambiando il mondo in meglio. Ha condotto una vita straordinaria. La sua innovazione e il suo impatto negli ultimi 60 anni sono stati immensi e continueranno nel futuro. Il mondo ha bisogno di persone come Vivienne per cambiare in meglio.

Tra non molto verrà inaugurata la The Vivienne Foundation, ente no profit in campo nella lotta per il Pianeta.

Fonte: viviennewestwood/Instagram

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Lingue, attivista e volontaria per i diritti degli animali. Amante della cucina vegetale, di vini rossi e di tutto ciò che profumi di cannella.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook