Caffè nella moka: quale acqua usare e tutti i trucchi per farlo perfetto

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Quale acqua mettere nella caldaia della nostra moka per ottenere un caffè perfetto e godersi un momento di puro gusto?

Quale acqua mettere nella caldaia della nostra moka per ottenere un caffè perfetto e godersi un momento di puro gusto?

Un buon caffè può cambiare la giornata: bevuto di buon mattino, prima di iniziare qualsiasi altra attività, è in grado di dare la giusta energia per affrontare anche la routine più frenetica; condiviso con gli amici o con una persona cara, diventa un momento di relax e accompagna chiacchiere e confidenze; infine, quando è “sospeso”, si trasforma in un atto di gentilezza verso un prossimo che neanche conosciamo.

Per ottenere un buon caffè, tuttavia, è fondamentale scegliere degli ingredienti di ottima qualità. In primo luogo, ovviamente, il caffè: che sia acquistato al supermercato o appena macinato dal droghiere di fiducia, deve essere un giusto equilibrio di sapori diversi e donare al palato un sapore pieno e corposo. Ma anche l’acqua gioca il suo ruolo per la buona riuscita del caffè. Quale acqua usare?

L’acqua giusta

Meglio non usare l’acqua del rubinetto perché con un alto residuo fisso e ricca di calcare: quest’ultimo finirà con il danneggiare la nostra moka e avrà un effetto negativo sulla preparazione del caffè. Ma sconsigliamo tassativamente l’utilizzo dell’acqua imbottigliata, poiché rappresenta una fonte di inquinamento da plastica di cui possiamo fare a meno con un piccolo espediente ed una minima spesa: bastano infatti pochi euro per installare sul nostro lavello in cucina un filtro per l’acqua, che eliminerà buona parte del calcare.

In questo modo, l’acqua della fontana sarà perfetta per la moka e ci permetterà di ottenere un ottimo caffè senza consumare plastica – per non parlare del fatto che l’istallazione del filtro permetterà a tutta la famiglia di bere l’acqua della fontana senza dover comprare acqua imbottigliata, a guadagno nostro e dell’ambiente.

5 consigli per un buon caffè

  1. Sì al barattolo in frigo. Come conservare al meglio la polvere di caffè per fare in modo che mantenga il più possibile il suo caratteristico aroma? Secondo gli esperti, quando apriamo il pacchetto meglio trasferire immediatamente la polvere in un barattolo a tenuta ermetica, meglio se di vetro o di alluminio. Ricordiamoci poi di conservare il barattolo, ben chiuso, in frigorifero: il freddo aiuterà a preservare al meglio tutte le proprietà organolettiche del nostro caffè. Infine, tiriamo fuori il barattolo dal frigo solo cinque minuti prima di caricare la moka, per non perdere i benefici della conservazione al freddo.
  2. Caffè quanto basta. Quando riempiamo il filtro della nostra moka, evitiamo di schiacciare la polvere di caffè al suo interno: riempiamo fino all’orlo (e, volendo, anche un po’ di più se vogliamo un caffè dal sapore più intenso) ma senza pressare il caffè con il cucchiaino. Avvitiamo poi con cura la macchinetta: questa operazione schiaccerà automaticamente la polvere quanto basta.
  3. Cottura lenta. Facciamo partire la cottura del nostro caffè a fiamma vivace, per permettere all’acqua contenuta nel serbatoio di raggiungere presto l’ebollizione, ma abbassiamo al minimo non appena il primo rigagnolo di caffè inizierà a uscire nella parte alta. Questo eviterà al caffè di bruciarsi e di acquisire un cattivo sapore.
  4. Viva il “cuppetiello”. Il grande Eduardo De Filippo suggeriva di sistemare un piccolo conetto di carta (un cuppetiello appunto) sull’apertura della moka per evitare di disperdere il profumo di caffè e fare in modo che finisca tutto nella tazza. Se siete di questa scuola, potete realizzare un piccolo conetto con un foglio di carta – in alternativa, lasciate che l’odore del buon caffè appena fatto si sparga per tutta la casa e vi coccoli con la sua presenza anche quando la tazzina sarà ormai vuota.
  5. No al detersivo! Evitiamo di utilizzare il detersivo che usiamo per lavare i piatti per pulire la nostra caffettiera: finiremmo per rovinare la macchinetta e elimineremmo tutto l’aroma del buon caffè che si sedimenta a mano a mano che usiamo la moka. QUI potete leggere tutti i nostri consigli per pulire in modo corretto la moka

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Sono laureata in Lingue e Culture Straniere. Da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile, tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook