Bonus contro il caro affitti: 250 euro al mese per 3 anni. Chi può fare richiesta

Per contrastare il caro affitti il Comune di Milano assegnerà un contributo di 250 euro ad alcune famiglie: scopriamo a chi spetta il bonus annunciato dal sindaco Giuseppe Sala

A Milano i costi per gli affitti sono davvero inaccessibili e chi si è trovato costretto a pagare una stanza o un monolocale, per motivi di studio o per lavoro, si è reso conto di quanto sia difficile arrivare a fine mese con uno stipendio nella media. Per sostenere le famiglie in difficoltà, che vivono sul territorio del capoluogo, il Comune di Milano ha pensato ad una misura molto utile.

Ad annunciare la novità il sindaco Giuseppe Sala, che ha fatto sapere che verrà introdotto un contributo per i neogenitori che rientrano in una determinata fascia Isee. Nello specifico si tratta di un bonus pari a 250 euro al mese erogato per tre anni (dunque 3mila euro all’anno) per le famiglie composte da membri under 35 residenti a Milano. Oltre all’età, i requisiti previsti sono:

  • avere almeno un figlio nato nel 2023
  • avere un Isee fino a 30mila euro

“Si tratta del bonus alla natalità più alto attualmente presente in Italia a cui è stato destinato un fondo da 3 milioni di euro, precedentemente utilizzato con modalità una tantum” sottolinea l’amministrazione comunale.

Il Sostegno Affitti Natalità farà tirare un sospiro di sollievo a centinaia di famiglie che devono sborsare mensilmente cifre da capogiro per permettersi un alloggio, spesso piccolo e scomodo. Da una recenteindagine condotta dal portale online Idealista è emerso che alla fine dello scorso anno a Milano il prezzo per le case in affitto ha raggiunto i 21 euro al metro quadro.

Il piano “Casa ai lavoratori”

Inoltre, il Comune di Milano ha lanciato il programma che prende il nome di ‘Casa ai Lavoratori’ e prevede l’assegnazione dei primi 300 appartamenti di proprietà comunale, attualmente sfitti, in affitto a lavoratori che hanno un Isee fino a 26mila euro.

I nuovi inquilini si occuperanno della ristrutturazione,che sarà in parte dedotta dai costi della locazione agevolata. In questo modo sarà possibile affittare gli appartamenti in questione a circa metà del prezzo di mercato. Le abitazione sono situate soprattutto nei quartieri Gallaratese, Niguarda e Barona.

Dopo l’autorizzazione definitiva da parte di Regione Lombardia sarà possibile assegnare le 300 case in modo particolare a lavoratori dei servizi essenziali e alle aziende pubbliche e private che decideranno di collaborare con il Comune di Milano. L’obiettivo dell’amministrazione è quello di arrivare ad affittare un totale di 2mila alloggi nei prossimi mesi.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonte: Comune di Milano 

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo all'Università La Sapienza, ha collaborato con Le guide di Repubblica e con alcune testate siciliane. Appassionata da sempre al mondo del benessere e del bio, dal 2020 scrive per GreenMe
Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Facebook