Test cosmetici sugli animali: “in Europa vengono ancora chiesti sugli ingredienti”, l’iniziativa europea per fermarli

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La Commissione europea ha accettato una nuova Ice per chiedere la fine delle sperimentazioni sugli animali.

EcoScore e non solo: la Commissione ha dato anche il via libera a un’altra richiesta dei cittadini europei, denominata “Salva i cosmetici senza crudeltà – Impegnati per un’Europa senza test sugli animali“, con cui si propone una normativa che rafforzi gli attuali divieti dell’Unione europea sulla sperimentazione animale per i cosmetici e sulla commercializzazione di ingredienti testati sugli animali.

Gli organizzatori dell’iniziativa “Salva i cosmetici senza crudeltà” – che ha iniziato il suo iter il 30 giugno scorso – insomma, chiedono alla Commissione europea di proporre una nuova e più ampia normativa, che sia in grado di vedere a 360 gradi i divieti esistenti sulla sperimentazione animale.

L’EcoScore (lo trovi QUI), invece, ha lo scopo di consentire ai consumatori europei di compiere scelte consapevoli che tengano conto dell’impatto ambientale dei prodotti offerti e incoraggiare le aziende a ridurre quello stesso impatto ambientale.

Salva cosmetici senza crudeltà

Con il divieto dell’UE sui test cosmetici sugli animali è arrivata la promessa di un’Europa in cui gli animali non soffrono più e muoiono per il bene dei cosmetici. Quella promessa è stata infranta, si legge nella richiesta inviata all’Ue.

Le autorità richiedono ancora, infatti, molti test sugli animali sugli ingredienti utilizzati nei cosmetici, il che va contro le aspettative e i desideri del pubblico e l’intenzione dei legislatori. Gli organizzatori quindi chiedono alla Commissione Europea di:

  • proteggere e rafforzare il divieto di sperimentazione animale per i cosmetici
  • avviare modifiche legislative per ottenere la protezione dei consumatori, dei lavoratori e dell’ambiente per tutti gli ingredienti dei cosmetici senza testare gli animali per nessuno scopo in qualsiasi momento
  • trasformare la normativa UE sulle sostanze chimiche
  • garantire la protezione della salute umana e dell’ambiente gestendo le sostanze chimiche senza l’aggiunta di nuovi requisiti per la sperimentazione animale
  • modernizzare la scienza nell’Ue
  • impegnarsi in una proposta legislativa che tracci una tabella di marcia per eliminare gradualmente tutti i test sugli animali nell’Unione europea

Una volta formalmente registrata, una ICE, l’iniziativa dei cittadini europei, consente a 1 milione di cittadini di almeno sette Stati membri dell’Unione europea di invitare la Commissione a proporre atti giuridici nei settori in cui ha il potere di agire.

Fonte: Commissione Europea

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per greenMe dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook