Ciglia al sapore di fenossietanolo: Kiko e Chanel i peggiori mascara del test francese

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Secondo un nuovo test francese molti mascara di marche note contengono sostanze controverse tra cui interferenti endocrini e fenossietanolo

La ricetta del porridge senza cottura

I trucchi, come è ormai noto, possono contenere al loro interno sostanze controverse che poi inevitabilmente finiscono sulla nostra pelle o sulle nostre ciglia, come avviene nel caso del mascara. Un test di Women Engage for a Common Future (WECF) France ha scoperto in molti cosmetici di uso comune la presenza di interferenti endocrini, allergeni o sostanze che tendono ad accumularsi nell’ambiente.

WECF France ha recentemente condotto un test su 47 prodotti: BB cream, correttori e appunto mascara venduti nelle profumerie, supermercati e negozi vari. Si tratta nella maggior parte dei casi di marche molto note e utilizzate anche in Italia. Leggi anche: I cosmetici hanno troppi interferenti endocrini, la BB cream Rimmel è il prodotto peggiore del test

I risultati dell’indagine, condotta analizzando le etichette, non sono molto confortanti: 37 le sostanze preoccupanti individuate nel complesso all’interno dei prodotti, tra queste interferenti endocrini, nanoparticelle, allergeni o inquinanti ambientali.

Circa l’80% dei campioni di cosmetici ne conteneva almeno una, ma i casi in cui vi era un “bel mix” di sostanze controverse non sono risultati pochi.

Tra le sostanze più criticate citiamo ad esempio il bht e il fenossietanolo ma segnalate dal test sono anche biossido di titanio e allergeni come citronellol, geraniol e limonene, tutte come sempre entro i limiti di legge.

Quelle che vi abbiamo segnalato in neretto, fanno parte della lista di sostanze che gli esperti francesi considerano “altamente preoccupanti”, in base ai dati e alle classificazioni fatte da agenzie nazionali e internazionali tra cui l’European Chemicals Agency (Echa) e la National Agency for Health Safety of the Food, (Anses) ma anche dal Comitato scientifico per la sicurezza dei consumatori e dall’Agenzia danese per la protezione dell’ambiente (Epa). Il problema è che, pur essendo nei limiti di legge, non sono ancora noti gli effetti del loro “mix”, un po’ come l’effetto cocktail per i pesticidi.

Dopo aver scoperto i risultati relativi alle BB cream e ai correttori, vediamo ora come se la sono cavata i mascara.

Leggi anche: Interferenti endocrini e allergeni nei correttori per il viso, Avene e Maybelline tra i peggiori del test

I mascara migliori e peggiori

In questa categoria ci sono tre prodotti che non contengono nessun ingrediente controverso e dunque di fatto sono i migliori del test. Si tratta del mascara Avene, di quello a marchio Eye Care e di Zao all’aloe vera.

In generale, comunque, i mascara sono risultati contenere meno interferenti endocrini, allergeni e altre sostanze incriminate.

Buoni prodotti sono considerati anche:

  • La Roche-Posay (1)
  • Yves Rocher (1)

I prodotti che contengono più sostanze rischiose in questa categoria sono:

  • Chanel (4 di cui 2 rossi)
  • Kiko (4 di cui 2 rossi)
  • Lavera (4 ma tutti gialli)

mascara infografica test

mascara infografica 2 test

@WECF France

Seguici su Telegram | Instagram Facebook | TikTok | Youtube

Fonti: EDC Free Europe / WECF France

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, consumi e benessere olistico. Laureata in lettere moderne, ha conseguito un Master in editoria

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook