Il bambolotto che si riempie di lividi se riceve parole offensive per sensibilizzare i bambini sulla violenza verbale

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Questi studenti hanno creato un bambolotto intelligente sul quale compaiono dei lividi nel momento in cui riconosce un linguaggio offensivo.

Ecco il carrello smart per la spesa

Se un buono a nulla”, “Vai via”, “Sta’ zitto”…  Mai sentito parlare di “violenza verbale”? È quella che infliggiamo ai nostri figli a volte senza nemmeno accorgercene, convinti di poter esercitare su di loro qualsiasi tipo di condanna. Eppure teniamo a mente una cosa: schiaffi e sculacciate o anche solo minacce ai nostri ragazzi possono provocare loro conseguenze anche gravi in futuro. Ma anche le umiliazioni fatte di parole.

Nessuna punizione corporale, insomma, ma nemmeno quella subdola e insidiosa violenza della lingua che fa ancora più male. Alla stessa stregua con cui le coccole di mamma e papà crescono bimbi sani e in salute, così la violenza delle parole e le punizioni corporali possono provocare nei piccoli danni psicologici anche gravi.

Leggi anche: Sculacciate e punizioni corporali: le conseguenze sui bambini che non ti aspetti

Lo sanno bene gli studenti della Dongseo University, nella Corea del Sud, che hanno creato la “Bruised Doll”: un bambolotto intelligente sul quale compaiono dei lividi nel momento in cui riconosce un linguaggio offensivo. È il tema dell’abuso emotivo: quella forma di violenza le cui cicatrici e i cui lividi non sono visibili.

lividi bambolotto

©Dongseo University

Un bambino abusato emotivamente non finisce in ospedale, ma gli effetti dell’abuso esercitato su di lui possono essere molto dannosi e di lunga durata. E lo scopo di questa bambola è proprio quello di evidenziare come anche le parole possano lasciare dei lividi dolorosissimi: parole che fanno male e che qui sono simboleggiate da lividi che appariranno sul corpo del bambino e che, perché no, potrebbero incoraggiare i genitori a stare più attenti. 

Come funziona? Con tecnologia Samsung, l’invenzione utilizza uno strumento di riconoscimento vocale collegato a piccoli LED viola che altro non fanno che accendersi sotto la “pelle” del bambolotto per dare l’illusione di lividi.

Grazie alla Bruised Doll, il team di studenti della Dongseo è stato premiato con il Silver Award ai CLIO Awards 2020-2021. Il concorso CLIO Awards è uno dei tre migliori festival pubblicitari al mondo, insieme al Festival internazionale della pubblicità di Cannes e al Festival di New York, secondo l’International Advertising Association (IAA).

Insomma, quello che è bene ricordarci è che anche gli attacchi verbali – una punizione che sminuisce, umilia, denigra, minaccia, spaventa o mette in ridicolo il bambino – sono crudeli e degradanti. E non solo: ricordate che i bambini sono spugne e solo da noi hanno la possibilità di diventare adulti migliori.

Fonte: Dongseo University

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per greenMe dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook