Variante Omicron: un nuovo studio spiega perché alcuni bambini contraggono la malattia in forma grave

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

I risultati di uno studio italo-americano ha individuato nei piccoli pazienti alcuni segnali-spia connessi a forme più gravi di Covid-19

Anche se non lo abbiamo ancora definitivamente sconfitto, conosciamo sempre più e sempre meglio il Coronavirus, e questo può aiutarci a prevenire le conseguenze più gravi di questa malattia. Un nuovo studio, condotto da ricercatori statunitensi in collaborazione con il Policlinico San Matteo di Pavia, ha individuato alcuni segnali-spia connessi a forme gravi di infezione in pazienti molto piccoli.

In generale, i bambini sono più resistenti al virus di quanto non possano esserlo gli adulti, poiché il loro giovane organismo è in grado di sviluppare più risposte immunitarie rispetto agli adulti. Tuttavia, ci sono alcuni soggetti che sembrano essere geneticamente predisposti a sviluppare la cosiddetta “sindrome multi-sistemica” – una complicanza rara e molto grave del Covid i cui sintomi sono febbre elevata, dolori addominali, vomito, diarrea, insufficienza cardiaca.

I ricercatori hanno analizzato l’andamento dei marcatori immunitari in un gruppo di bambini positivi al Covid-19, alcuni dei quali affetti da sindrome multi-sistemica. Da questa osservazione è emersa una predisposizione genetica dei piccoli pazienti a sviluppare la sindrome, che può portare come conseguenza estrema anche la morte.

La variante Omicron viaggia veloce fra i giovanissimi e colpisce particolarmente la fascia d’età 5-11 anni. Come spiegato dagli autori dello studio i bambini, soprattutto quelli più piccoli, tendono ad essere più colpiti dal SARS-Cov2 poiché spesso non sono ancora vaccinati e non sanno adottare le misure di prevenzione individuale che noi adulti abbiamo imparato a mettere in pratica negli ultimi due anni – distanziamento sociale, corretto uso della mascherina, igiene delle mani.

Per questo motivo è molto importante affidarsi alla scienza vaccinare senza timore i bambini al di sopra dei 5 anni: questo ridurrà enormemente il rischio di forme gravi della malattia (come appunto la sindrome multi-sistemica) e, in ultimo stadio, di morte precoce. Inoltre, il contagio dei più piccoli favorisce il propagarsi dell’epidemia anche fra gli adulti: un bambino che si ammala può portare il virus ai genitori o ai nonni che lo accudiscono, in un circolo senza fine.

variante omicron nei bambini

@Nature Medicine

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonti: Nature Medicine / Fondazione Veronesi

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Sono laureata in Lingue e Culture Straniere. Da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile, tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook