Tutti i genitori dovrebbero conoscere questa regola per capire se uno sfogo cutaneo è segno di una malattia pericolosa

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Un gruppo australiano, guidato dall'ex paramedico e mamma Nikki Jurcutz, ha rivelato una semplice regola per capire se uno sfogo cutaneo che compare sulla pelle dei nostri figli può essere sintomo di una malattia pericolosa per la vita

Su Instagram la Tiny Hearts Education ha condiviso un video molto importante che contiene una regola “salvavita”, che tutti i genitori dovrebbero conoscere.

Quando compare uno sfogo cutaneo sulla pelle dei nostri figli, non pensiamo certo subito al peggio ma in alcuni casi (sia pur rari) questo può essere segno di una malattia pericolosa per la vita.

La buona notizia è che c’è un modo semplice per capire se tale sfogo è davvero sintomo di qualcosa di più grave. A rivelarlo è il gruppo gestito da Nikki Jurcutz, ex paramedico e mamma, che spiega come sia importante eseguire il “blanching test”.

Si tratta semplicemente di capire se lo sfogo cutaneo diventa bianco quando viene applicata pressione, in questo caso è considerato sicuro, mentre un segno che rimane dello stesso colore anche se premuto può essere sintomo di un grave malattia come il meningococco e i genitori dovrebbero chiamare immediatamente un medico per far valutare la situazione.

Quello che si vede nel seguente video è uno sfogo cutaneo potenzialmente pericoloso e richiede cure urgenti.

Come viene spiegato nell’introduzione, gli sfoghi che compaiono sulla pelle possono essere molto diversi tra loro:

Le eruzioni cutanee possono apparire molto diverse: con dossi alzati, essere rosso brillante, avere aree piatte, vesciche o una combinazione di tutto questo. Potrebbero diffondersi, muoversi e cambiare nel tempo. Puoi anche avere eruzioni cutanee che appaiono piccole e presentano macchie o lividi rosso/viola – questo è il tipo di eruzione cutanea che puoi vedere nel video qui sopra.

Come eseguire il blanching test

Ogni volta che si nota uno sfogo cutaneo su un bambino sarebbe bene eseguire questo test per capire se, sotto pressione, lo sfogo diventa bianco per poi tornare al suo colore originario.

Come spiega il video della Tiny Hearts Education:

Fai questo facendo pressione con il dito sopra lo sfogo cutaneo, tieni premuto per 5 secondi + rilascio. Cosa hai notato? È diventato bianco e poi è tornato rosso? Se sì – bene! Questo è uno sfogo sbiancante e se il bambino non ha altri sintomi si può stare tranquilli. ⁠ Un altro modo per vedere se l’eruzione cutanea si sbianca è fare il “test del vetro” come mostrato sopra. Rotolare un bicchiere sullo sfogo cutaneo e guardare se cambia colore. ⁠Se invece premi, tieni premuto e rilasci e l’eruzione cutanea non cambia colore in bianco – si tratta di un rash non sbiancante e devi chiedere un esame urgente da un medico.

Una semplice regola da tenere sempre a mente.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonte: Tiny Hearts Education Instagram

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, consumi e benessere olistico. Laureata in lettere moderne, ha conseguito un Master in editoria

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook