Tragedia in Niger: almeno 26 bambini morti nell’incendio scoppiato in una scuola di legno e paglia

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Dramma in una scuola del Sud del Niger, costruita in legno e paglia: 26 bambini hanno perso la vita in un incendio scoppiato ieri

Sta per finire investito, la mamma lo salva

Sono almeno 26 i bambini che hanno perso la vita in una scuola nel Sud del Niger, dove ieri è divampato un terribile incendio. Nel giro di qualche minuto le aule, costruite con paglia e legno, sono state avvolte dalle fiamme, senza lasciare scampo. Oltre una decina i ragazzini che hanno riportato ustioni. 

“In questo momento il bilancio è di 26 bimbi morti (tra i 5 e i 6 anni) e 13 feriti, quattro dei quali in modo grave – ha fatto sapere Chaibou Aboubacar, primo cittadino della città di Maradi, dove si è consumato il dramma – Non conosciamo l’origine dell’incendio, è stata aperta un’inchiesta per determinarlo”.

A Maradi, dove la comunità è fortemente scossa da quanto accaduto, il sindaco ha proclamato tre giorni di lutto cittadino.

Le scuole del Niger sono delle potenziali trappole mortali

Non è affatto la prima volta che nel Niger avviene un dramma di questa portata. Soltanto lo scorso aprile in un’altra scuola nel quartiere operaio di Niamey una ventina di bambini ha perso la vita a causa di un rogo che ha raso al suolo la struttura di paglia e legno, altamente infiammabile. 

Il Niger, uno dei Paesi più poveri del mondo, ha cercato infatti di rimediare alla carenza di edifici scolastici costruendo migliaia di capannoni di paglia e legno, in cui nella maggior parte dei casi i bambini non hanno neanche le sedie per sedersi. 

Per evitare che si ripetano stragi del genere, il segretario generale dell’Unione degli insegnanti del Niger Issoufou Arzika ha proposto agli insegnanti di tenere le lezioni sotto gli alberi invece nelle capanne di paglia, che ha definito “tombe infiammabili per gli alunni”. Recentemente anche il Presidente del Niger Mohamed Bazoum aveva promesso di sostituire le capanne con edifici più sicuri per i bambini.

Ma al momento la maggior parte delle scuole del Paese – che ha un tasso di alfabetizzazione bassissimo – sono delle potenziali trappole mortali. In certe aree del continente africano persino andare a scuola, che dovrebbe essere un diritto garantito a tutti i bambini e ragazzi del mondo, rappresenta un pericolo.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Fonte: Al Jazeera

Leggi anche: 

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo all'Università La Sapienza, ha collaborato con Le guide di Repubblica e con alcune testate siciliane. Appassionata da sempre al mondo del benessere e del bio, dal 2020 scrive per GreenMe

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook