Via gli ftalati e dimezzata la plastica nei mitici palloni Super Santos e Super Tele

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

I palloni Super Tele e Super Santos diventano bio eliminando gli ftalati dalla loro composizione e utilizzando per il 50% materiali vegetali

Come conservare al meglio le fragole

Generazioni di bambini, e anche tanti adulti, hanno giocato e continuano a farlo utilizzando i mitici Super Santos e Super Tele. Ora, anche questi palloni storici e amatissimi, cercano di limitare le sostanze inquinanti e dannose per il Pianeta e la salute: nella loro nuova formulazione sono stati eliminati del tutto gli ftalati e dimezzata la percentuale di materia derivante dal petrolio. Il restante 50% di materia è di origine vegetale, proveniente da fonti naturali.

I prodotti che utilizziamo ogni giorno noi e i nostri bambini hanno un certo impatto sull’ambiente e, inoltre, possono contenere sostanze che, oltre ad inquinare, sono potenzialmente dannose per la nostra salute. Più volte vi abbiamo parlato degli ftalati che si nascondono in tanti prodotti, compresi i giocattoli dei bambini.

Leggi anche: Gli ftalati danneggiano il cervello dei bambini e devono essere subito banditi. L’allarme in un nuovo studio

Immancabile in ogni famiglia c’è almeno un pallone e in alcuni casi questo è proprio un Super Santos o un Super Tele del marchio Mondo. Palloni che ora sono diventati BioBall. Cosa significa? Vengono realizzati con una nuova formula bio priva di ftalati che sostituisce il 50% delle materie prime di origine fossile con materiali di origine vegetale che provengono da fonti naturali.

I BioBall, di cui Super Tele e Super Santos sono solo due varianti, hanno ottenuto la certificazione “Ok Bio-Based” dal TÜV Austria, il principale ente di certificazione bio europeo che garantisce l’alta qualità della rinnovabilità delle materie prime utilizzate per realizzarli. Precedentemente sono stati sottoposti invece ad un test per misurare il livello di carbonio 14 presso la Beta Analytic in Maryland (Usa).

pallone bio super tele

@mondo

Il nuovo processo di produzione delle Bioball permetterà all’azienda che produce i palloni di ridurre le emissioni di CO2 eq di 2000 tonnellate.

Un primo passo per la realizzazione di palloni più amici dell’ambiente anche se, come sempre, si potrebbe fare di più, ad esempio aumentando maggiormente la parte ottenuta da fonti vegetali e limitando ancora di più l’uso del petrolio o, ancora,  mettendo in atto qualche sistema di riciclo per favorire un’economia circolare.   

Questi palloni senza ftalati ci ricordano comunque quanto sia importante insegnare ai bambini non solo il valore del gioco ma anche l’importanza di giocare con il massimo rispetto per l’ambiente e la nostra salute.

Fonte: Bioball

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, consumi e benessere olistico. Laureata in lettere moderne, ha conseguito un Master in editoria

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook