Il lato nascosto della crisi climatica: migliaia di bambine costrette a matrimoni precoci per la siccità in Etiopia

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

In Etiopia nelle zone colpite dalla siccità c'è un aumento drammatico dei matrimoni precoci. A lanciare l'allarme è l'Unicef: la povertà spinge le ragazze a diventare spose bambine

In Etiopia si sta consumando un dramma nel dramma: nelle zone colpite dalla siccità c’è un aumento drammatico dei matrimoni precoci. A lanciare l’allarme è l’Unicef: 600mila bambini non vanno a scuola e i genitori disperati spingono le ragazze a diventare spose bambine.

Da un lato c’è un’emergenza climatica, dall’altra quella sociale. In Etiopia, la siccità sta costringendo la popolazione alla fame e alla povertà. Così le famiglie organizzano matrimoni precoci con gente benestante per togliere le proprie figlie dalla miseria.

Bambine strappate ai giochi, alla scuola, all’infanzia, spesso costrette a gravidanze premature e abusi da parte dei mariti molto più grandi. Ma secondo l’Unicef siamo a un punto di non ritorno, attualmente è in corso la peggiora emergenza climatica degli ultimi 40 anni che spinge le persone sull’orlo del baratro. Non piove da tre stagioni consecutive, questo significa fame, malnutrizione e sfollamento di massa nel Corno d’Africa.

“Molte ragazze in Etiopia sono costrette a matrimoni precoci perché così i loro genitori cercano di fuggire alla miseria attraverso le doti della famiglia del marito e sperano che le loro figlie vengano nutrite e protette da famiglie più ricche”, spiega Catherine Russell, direttore esecutivo dell’Unicef.

Nella zona di East Hararghe, che ospita 2,7 milioni di persone, i casi di matrimoni precoci sono aumentati del 51%, da 70 registrati in un semestre nel 2020-21 a 106 nello stesso periodo, un anno dopo.

“È stata solo una delle sei aree colpite dalla siccità in Oromia ad aver assistito a un forte aumento dei matrimoni precoci, spiega l’Unicef. In quelle zone, i casi sono quasi quadruplicati: tra febbraio e agosto dello scorso anno sono stati registrati 672 casi di matrimoni precoci, mentre dallo scorso settembre a marzo di quest’anno il numero è balzato a 2.282, secondo i dati del governo locale.

“Queste persone sono comunque disperate: hanno paura della violenza, per l’incolumità delle ragazze, hanno bisogno di risorse e non possono permettersi di dar loro da mangiare”, ha detto Russell.

Secondo i dati demografici del 2016, il 40% delle ragazze nel paese dell’Africa orientale si sposa prima dei 18 anni e il 14% si sposa prima del 15° compleanno. Quello dei matrimoni precoci è un fenomeno ampiamente diffuso nel continente africano, ma il grido di queste bamnine resta inascoltato. In gran parte degli Stati dell’Africa Subsahariana una su 5 è già sposata, mentre le altre vivono nel terrore di fare la stessa fine.

Bambine che purtroppo non hanno nessun potere di scelta, sono isolate dalla società e private di un’infanzia normale. Spesso sono vittime di abusi e violenze, tagliate fuori dalla famiglia, dagli amici e dalla scuola. Nulla a che vedere con i sentimenti, la libertà, l’amore.

Fonte: Unicef/ The Guardian

Ti potrebbe interessare:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook