I bambini che guardano programmi TV violenti avranno problemi di socialità e rendimento scolastico da adolescenti. Lo studio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

L'esposizione ripetuta a programmi TV violenti e aggressivi durante l'età prescolare ha ripercussioni sulla psiche degli adolescenti, come dimostrato da questo studio canadese

I bambini piccoli, se esposti alla visione di programmi televisivi violenti e aggressivi, possono manifestare gravi forme di disagio psicologico durante l’adolescenza e l’età adulta. È quanto emerge da uno studio condotto dai ricercatori dell’Università di Montreal e recentemente pubblicato.

In pratica, far vedere ai nostri figli contenuti ad alto livello di violenza – con linguaggio forte, colluttazioni, sparatorie, inseguimenti, aggressività verbale e fisica – durante gli anni della scuola materna avrebbe ripercussioni sulla loro socialità e anche sul loro rendimento scolastico quando saranno più grandi.

Questo perché nei primi anni rappresentano un momento critico per lo sviluppo del cervello, che è più predisposto a subire l’influenza dell’ambiente e degli stimoli a cui viene sottoposto. Comprendere quali sono i fattori che più influenzano lo sviluppo del bambino e capirne gli effetti è molto importante per trovare le giuste strategie educative da parte di genitori e educatori.

Leggi anche: I videogiochi possono uccidere i bambini con problemi cardiaci non diagnosticati, lo studio shock

Per il loro studio, i ricercatori hanno coinvolto alcune famiglie con bambini piccoli (età compresa fra i tre anni e mezzo e i quattro anni e mezzo), chiedendo conto ai genitori dei contenuti televisivi guardati dai propri figli, con particolare attenzione all’eventuale visione di programmi violenti da parte dei bambini. Successivamente, il materiale televisivo segnalato dai genitori è stato analizzato dagli autori dello studio.

Le stesse famiglie sono state nuovamente sottoposte a delle interviste dopo alcuni anni, quando i figli hanno ormai raggiunto i dodici anni di età, allo scopo di osservare gli effetti dei programmi televisivi visti nell’infanzia sul loro sviluppo psicologico e sui loro traguardi scolastici.

Rispetto ai loro coetanei dello stesso sesso che non sono stati esposti a contenuti violenti durante l’infanzia, i ragazzi e le ragazze che sono stati esposti ai tipici contenuti violenti in televisione hanno dimostrato di avere maggiori probabilità di sperimentare aumenti del disagio emotivo in età adolescenziale – spiega la professoressa Pagani, autrice dello studio.

In particolare, sono emerse problematiche quali ansia, tristezza e malessere psicologico, nonché una diminuzione del rendimento scolastico e del coinvolgimento in classe in conseguenza dell’esposizione a programmi TV violenti durante i primi anni di vita.

Questo perché i bambini molto piccoli tendono a identificarsi con i personaggi in TV e a trattare tutto ciò che vedono come reale. In particolare, guardando show violenti imparano che la violenza è un mezzo giustificato per risolvere i problemi. L’esposizione ripetuta a questo tipo di messaggio, poi, rafforza la convinzione e insegna ai piccoli che la violenza è “normale” nelle interazioni con gli altri.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonte: Université de Montréal

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Sono laureata in Lingue e Culture Straniere. Da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile, tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook