Anche i pannolini ecologici tengono bene la pipì dei bambini: il test svizzero sfata il mito

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La rivista K-Tipp ha testato 11 pannolini per bambini di marche vendute principalmente in Svizzera (ma alcune sono presenti anche sul mercato italiano). Quali sono i migliori considerando principalmente l'assorbenza e la praticità di utilizzo? Si tratta di una referenza Pampers

La rivista dei consumatori svizzeri K-Tipp ha messo a confronto diversi pannolini per bambini, tra questi vi sono marchi noti come Pampers ma anche prodotti venduti da discount come Lidl e Aldi, oltre che una referenza ecologica (Naty).

Il test ha verificato principalmente l’assorbenza dei pannolini, la loro praticità di utilizzo, e il fatto di non essere irritanti per la pelle delicata dei neonati, non si è occupata invece dell’aspetto ambientale della questione, sappiamo infatti che i pannolini sono inquinanti e creano una montagna di rifiuti.

Gli esperti svizzeri ricordano comunque che:

La struttura di base di tutti i pannolini usa e getta è simile: un nucleo assorbente in plastica è racchiuso in strati tessili realizzati in pile vegetale o film plastici.

C’è solo un eccezione in questo senso nel test, rappresentata dai pannolini Naty di cui parliamo più in basso.

Tutti i pannolini sono stati testati sia in laboratorio (per valutare le prestazioni dei materiali utilizzati) che nell’uso quotidiano con i bambini.

Per la prova pratica, ogni pannolino è stato fatto indossare a 30 bambini (metà femmine e metà maschi) di peso compreso tra 7 e 18 chili per tre giorni. I genitori hanno poi valutato il risultato in base ai seguenti parametri:

  • liquido o feci eventualmente fuoriuscite
  • parte esterna del pannolino bagnata o no
  • eventuali arrossamenti o irritazioni della pelle
  • punti di pressione o zone in cui il pannolino si era incrinato
  • adattamento del pannolino e se garantiva libertà di movimento
  • possibilità di aprire le chiusure più volte

Quello che evidenzia l’indagine è sostanzialmente che diversi prodotti economici hanno mostrato carenze, in particolare nella protezione contro l’umidità e le perdite.

I pannolini migliori

Questo test, come abbiamo già sottolineato, prende in esame in particolare l’assorbenza dei pannolini e la praticità di utilizzo. Considerando principalmente questi aspetti, al primo posto troviamo i Pampers Baby Dry.

Tra i prodotti considerati “buoni” però ci sono anche i pannolini Naty, una versione più ecologica considerando che il nucleo assorbente non utilizza, per quanto possibile, materie prime a base di petrolio ma è in gran parte costituito da cellulosa.

La scelta migliore, comunque, rimane quella di usare pannolini lavabili e anche K-tipp ricorda che queste alternative hanno un impatto minore sull’ambiente rispetto ai prodotti usa e getta, soprattutto se i pannolini vengono lavati con una lavatrice a risparmio energetico e a pieno carico e poi fatti asciugare al sole.

Leggi anche: 10 scuse per non usare i pannolini lavabili

Tornando al test, altri pannolini più economici ma comunque buoni sono i My Love venduti da Aldi. 

pannolini migliori ktipp test

Un giudizio medio ottengono infine i Lupilu di Lidl. Le uniche due referenze “bocciate” dal test non sono presenti sul mercato italiano.

pannolini peggiori test

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonte: K-Tipp

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, consumi e benessere olistico. Laureata in lettere moderne, ha conseguito un Master in editoria

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook