Le bambine africane si vestono come Ngozi Okonjo-Iweala per renderle omaggio #BelikeNgoziChallenge

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Questa bambina di 4 anni “impersona” Ngozi Okonjo Iweala, neo direttrice generale dell’Organizzazione mondiale del commercio.

Indossa l’abito di stoffa colorata e ha in testa il copricapo tipico della terra africana: questa bimba di 4 anni ha catalizzato l’attenzione del web, ma il motivo? “Impersona” Ngozi Okonjo Iweala, neo direttrice generale dell’Organizzazione mondiale del commercio, con tanto di occhiali. E Madam Ngozi ne è ammirata.

La quattrenne in realtà non è stata la sola. Alla notizia evento della nomina di Okonjo-Iweala, 66 anni, nigeriana naturalizzata statunitense, il mondo dei social si è scatenato e dalla Nigeria è partita la #BelikeNgoziChallenge che, insieme a #NoigoestoWto e #Ankaraarmy, tutto in omaggio ai tessuti con colori sgargianti che lei indossa sempre, ha inondato i profili vestiti con abiti tradizionali, proprio per celebrare la prima donna africana ai vertici del Wto.

Ma la bimba ha qualcosa di dolce ed estremamente comunicativo, tanto che Okonjo-Iweala ha visto in lei la forza delle donne del futuro.

A quanto pare, il padre della bambina ha condiviso per primo la foto della figlia su Twitter dicendo:

Non si assomigliano? Qualcuno dovrebbe dire a Madam Ngozi di venire a prendere sua nipote!

Dopo aver visto il post che è subito diventato virale, ha detto la direttrice generale WTO:

Questa bellissima ragazza e tutte le altre adorabili ragazze e giovani donne che imitano il mio look mi fanno sentire umile e benedetta. Grazie. Sarete tutte grandiose e più grandi del vostro modello per grazia di Dio!”.

Una bellissima sferzata di positività, l’augurio sincero che per tutto l’universo femminile, nessuna esclusa, ci possano essere un giorno uguali diritti e medesime possibilità.

Fonte: Twitter

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per greenMe dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook