L’odore dei neonati blocca l’aggressività negli uomini, ma la stimola nelle donne. Lo studio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il caratteristico odore nei bambini molto piccoli avrebbe effetti diametralmente opposti sulle mamme e sui papà, e il motivo è evolutivo

Il caratteristico odore nei bambini molto piccoli avrebbe effetti diametralmente opposti sulle mamme e sui papà, e il motivo è evolutivo

I genitori dei bambini appena nati sapranno descrivere nei dettagli la meraviglia nel “respirare” l’odore caratteristico del proprio pupetto. Aldilà dell’affetto che lega i neogenitori ai propri figli e, in particolare, all’odore che essi emanano, un nuovo studio dimostra come una molecola prodotta dai neonati svolge un ruolo inaspettato: regolare l’aggressività degli adulti.

Questa molecola, chiamata HEX, viene prodotta in realtà anche dagli adulti (seppur in dosi molto limitate) e può essere percepita non solo dagli umani, ma anche da tutti gli altri mammiferi: provocherebbe cambiamenti a livello del cervello e del comportamento negli adulti che sono esposti ad essa, con sorprendenti differenze fra maschi e femmine. La molecola, che non ha un odore percettibile, diminuirebbe la connessione in aree del cervello che regolano la capacità di prendere decisioni nelle donne, mentre aumenterebbe tale connessione negli uomini: questo risulta in comportamenti diametralmente opposti.

Lo studio ha utilizzato due metodi scientifici per valutare i livelli di aggressività nel comportamento umano – i cosiddetti “paradigmi dell’aggressività” TAP e PSAP. I ricercatori hanno applicato il metodo TAP su 130 partecipanti allo studio, metà dei quali era stata esposta all’HEX mentre l’altra metà no. Il metodo PSAP, invece, è stato usato su altri 50 partecipanti, esposti sia alla molecola che ad una sostanza di controllo. L’obiettivo era quello di verificare se l’HEX potesse avere effetti sul cervello e sui comportamenti aggressivi. Entrambi gli esperimenti sono stati suddivisi in due fasi: una fase volta a provocare e irritare i partecipanti e una seconda fase volta a misurare l’aggressività della loro risposta.

È emerso che le persone esposte all’HEX hanno dimostrato un comportamento diverso rispetto a quelle non esposte. Ma ciò che ha sorpreso maggiormente i ricercatori sono state le differenze sostanziali nelle risposte allo stimolo per uomini e donne – a dimostrazione che il genere determina risposte cerebrali diverse e che i cervelli di maschi e femmine non si comportano allo stesso modo. Mentre le donne esposte alla molecola hanno dimostrato un aumento dell’aggressività rispetto a quelle non esposte, gli uomini si sono comportati in modo opposto, manifestando una minore aggressività se messi a contatto con l’HEX.

@ Science Advances

Perché questa molecola ha effetti così diversi sul cervello dei maschi e delle femmine? Secondo i ricercatori, l’aggressività maschile si traduce troppe volte nella violenza rivolta ai neonati (l’infanticidio è un fenomeno molto diffuso nel regno animale), mentre quella femminile è volta alla difesa della prole e, pertanto, stimolata da questa. Quindi, l’odore dei piccoli tende a rendere meno aggressivi i papà e ad allertare l’attenzione delle mamme, garantendo ai neonati maggiori chances di sopravvivenza.

I bambini piccolissimi non possono comunicare attraverso il linguaggio – spiegano i ricercatori – per questo la comunicazione chimica è importantissima per loro: in quanto neonato, è nel tuo interesse rendere la mamma più aggressiva e protettiva e ridurre al contempo l’aggressività di papà.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Fonte: Science Advances

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Sono laureata in Lingue e Culture Straniere. Da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile, tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook