Milioni di bambini non sanno dove crescono le banane o cosa siano le albicocche

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Un recente studio condotto in Gran Bretagna svela una realtà che dovrebbe spingerci alla riflessione: milioni di bambini non hanno la più pallida idea di come vengano coltivata la frutta e la verdura e non hanno mai sentito parlare di prodotti ortofrutticoli come le albicocche.

Non hanno idea di dove crescano le banane, né come vengano coltivate le patate e addirittura non hanno mai sentito parlare di frutti molto noti e diffusi come le albicocche e i mirtilli, mentre qualcuno pensa addirittura che i polli abbiano quattro zampe. Sembra assurdo, ma milioni di bambini britannici ignorano totalmente l’esistenza di certi prodotti offerti da Madre Natura o non sanno praticamente nulla del luogo da cui provengono. E non parliamo di piccoli che vanno ancora all’asilo, bensì di bimbi che frequentano le scuole elementari.

A svelare questa triste verità è una recente ricerca condotta del Regno Unito dalla storica ditta Robinsons, specializzata nella vendita di succhi di frutta, in occasione del lancio del gioco “The Big Fruit Hunt” (un’esperienza di realtà aumentata che sfida i giocatori a raccogliere frutta virtuale e partecipare a un’estrazione per vincere premi).

Lo studio ha preso in considerazione 750 bambini, di età compresa fra i 6 e i 12 anni. Ciò che è emerso ha dell’inquietante: oltre un quarto dei piccoli intervistati ha ammesso di non sapere dove crescono le banane e il 23% di non aver idea che le patate venissero estratte dal terreno. Invece, il 49% crede che gli ananas crescano sugli alberi, mentre il 24% dei preadolescenti è convinto che alcuni prodotti ortofrutticoli siano derivati da animali (lo crede il 13%) o vengano pescati addirittura in mare (è il pensiero condiviso dall’11% dei bimbi).

Circa il 31% dei bambini pensa che la frutta e la verdura provengano dai supermercati e oltre un quarto degli intervistati è convinto che i prodotti che mangiano siano coltivati tutti nel Regno Unito.

Ma il dato che stupisce di più è che solo 4 bambini su 10 conoscono le albicocche. Non va meglio per le pesche nettarine: solo il 35% degli intervistati ne ha mai sentito parlare.

Siamo rimasti sorpresi da alcune delle statistiche mostrate dalla nostra ricerca, specialmente per quei bambini che  non erano a conoscenza di determinati frutti. – ha commentato la portavoce di Robinsons Charlotte White – E sembra anche che non sia per mancanza di interesse, quindi si potrebbero offrire modalità più coinvolgenti per incoraggiare i bambini a imparare di più. È anche piacevole vedere che i bambini vorrebbero cercare di coltivare i propri prodotti.

Nonostante ci sia ancora molta confusione su questi prodotti, il 54% dei bambini ha raccontato di aver provato a coltivare la frutta e la verdura, mentre il 64% si è detto interessato a saperne di più su come farlo e, ancora, il 62% è curioso di scoprire altri dettagli sulla provenienza dei prodotti ortofrutticoli. Dalla ricerca è emerso, inoltre, che i bambini mangiano tre porzioni di frutta e/o verdura al giorno, anche se la metà di loro lo fa semplicemente perché invogliata dai genitori.

I 20 prodotti ortofrutticoli che i bambini britannici conoscono meno

Ma quali sono i frutti e gli ortaggi meno conosciuti dai bambini? Ecco la top 20 dei prodotti con cui i bimbi britannici hanno meno dimestichezza:

1. Melanzane
2. Melograni
3. Nettarine
4. Mirtilli rossi
5. Mandarino Satsuma
6. Albicocche
7. Kiwi
8. Lime
9. Prugne
10. Manghi
11. Pesche
12. More
13. Melone
14. Ciliegie
15. Mirtilli
16. Limoni
17. Lamponi
18. Anguria
19. Pere
20. Ananas

Insomma, i motivi per investire di più negli orti scolastici e nell’educazione alimentare sono davvero parecchi…

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonte: Robinsons

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo all'Università La Sapienza, ha collaborato con Le guide di Repubblica e con alcune testate siciliane. Appassionata da sempre al mondo del benessere e del bio, dal 2020 scrive per GreenMe

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook