Il microscopio fai da te che anche i nostri bambini possono costruire. Fatto di mattoncini Lego e parti di smartphone

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Alcuni ricercatori hanno creato un microscopio fai da te per avvicinare i bimbi alla scienza, fatto di mattoncini Lego e lenti di smartphone

Mattoncini LEGO® e parti economiche di telefoni cellulari, ecco i materiali utilizzati dai ricercatori delle università di Göttingen e Münster per realizzare un innovativo microscopio ad alta risoluzione, adatto anche ai non esperti e soprattutto ai bambini. Molto simile a un moderno microscopio di ricerca ma decisamente più economico e alla portata, quindi, di scuole e famiglie.

Il microscopio prevede l’utilizzo, dicevamo, dei mattoncini Lego e di lenti per smartphone inglobate nella struttura, utili per effettuare gli ingrandimenti. La cosa bella è che tutti noi possiamo provare a costruirlo grazie alle istruzioni pubblicate su GitHub che descrivono nel dettaglio i vari passaggi e tutti i materiali necessari.

I ricercatori lo hanno realizzato per avvicinare i bambini, e non solo, alla scienza, coinvolgendoli anche nella fase di costruzione. Obiettivo raggiunto! I bambini tra i 9 e i 13 anni coinvolti nell’esperimento hanno infatti dimostrato una maggiore comprensione, dopo il lavoro, della microscopia. Come rilevato attraverso appositi questionari. 

Il professor Timo Betz, dell’Università di Göttingen, ha dichiarato:

“La comprensione della scienza è fondamentale per il processo decisionale e porta molti vantaggi nella vita di tutti i giorni, come la risoluzione dei problemi e la creatività. Tuttavia troviamo che molte persone, anche politici, si sentono escluse o non hanno l’opportunità di impegnarsi nel pensiero scientifico o critico. Volevamo trovare un modo per coltivare la curiosità naturale, aiutare le persone a cogliere i principi fondamentali e vedere il potenziale della scienza.”

I ricercatori si sono accorti, continuando a monitorare i bambini, che man mano che prendevano confidenza con lo strumento, facevano i propri adattamenti esplorando sempre più funzioni. A dimostrazione che la scienza può essere divertente anche per loro. 

La speranza ora è che questo microscopio venga introdotto nelle aule e nelle case di tutto il mondo per ispirare i bambini e avvicinarli al mondo della scienza, come ha affermato Betz, dimostrando che è una disciplina illuminante, educativa e divertente. 

FONTE: The Biophysicist/GitHub

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Beni Culturali, redattrice web dal 2008 e illustratrice dal 2018. Appassionata di viaggi, folklore, maschere tradizionali. Si occupa anche di tematiche ambientali, riciclo creativo e fai da te. Con SpiceLapis ha realizzato "Memento Mori, guida illustrata ai cimiteri più bizzarri del mondo". Nel 2018 ha dato vita a Mirabilinto, labirinto di meraviglie illustrate.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook