Un figlio maschio è un Principe Azzurro per tutta la vita

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Per le mamme il figlio maschio è il Principe Azzurro ma educarlo comporta molte sfide, che però contribuiscono a rendere ancora più forte questo legame.

Ecco il carrello smart per la spesa

Il Principe Azzurro delle fiabe, oltre a essere bellissimo, solitamente è anche coraggioso, sensibile, onesto e adorabile. Qualità che ogni mamma si augura di vedere nei propri figli, in particolare i maschi, dato che spesso nella nostra società vengono “forgiati” diversamente.

Se sensibilità, empatia, dolcezza sono infatti caratteristiche che diamo quasi per scontate nelle donne, nei maschi non è così. Ma forse non si tratta di natura, come spesso pensiamo, piuttosto di retaggi culturali che vogliono il maschio, fin da piccolo, forte e ribelle, e la donna più pacata. Questo non significa che non esistano differenze fra i sessi ma probabilmente alcune sono indotte anziché innate.

Educare i Principi Azzurri di oggi non è una missione semplice perché rappresenta una sfida quotidiana fra la voglia di crescere maschietti empatici e gentili, e i condizionamenti sociali che continuano a imporci, in modo più o meno evidente, altri modelli della società.

Non a caso i giocattoli più ambiti e pubblicizzati per gli ometti sono pistole finte ed eroi aggressivi, perché gli stereotipi di genere sussistono anche sugli scaffali dei negozi, come dimostrato da una ricerca a tema intitolata “Let Toys be Toys“. Dare luce a un figlio maschio significa doversi confrontare con questa realtà e guidarlo al di là degli stereotipi, se si desidera che sia davvero un Principe Azzurro, aiutandolo a scoprire qualità solitamente negate al suo sesso, come la dolcezza e la sensibilità.

In ogni caso, non è che il legame instaurato da una mamma con il proprio maschietto sia più forte di quello che si può creare con una femmina, anche questo è un pregiudizio duro a morire, ma può comportare difficoltà diverse che, se superate, creeranno un legame molto profondo.

Perché immedesimarsi nel figlio maschio, insegnandogli un nuovo modo di stare al mondo, non è facile per una madre ma l’unione, nelle sfide, può separare o contribuire a un legame speciale. Proprio quello che si instaura tra una mamma e il suo amatissimo Principe Azzurro.

Ti potrebbe interessare anche:

Laura De Rosa

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Beni Culturali, redattrice web dal 2008 e illustratrice dal 2018. Appassionata di viaggi, folklore, maschere tradizionali. Si occupa anche di tematiche ambientali, riciclo creativo e fai da te. Con SpiceLapis ha realizzato "Memento Mori, guida illustrata ai cimiteri più bizzarri del mondo". Nel 2018 ha dato vita a Mirabilinto, labirinto di meraviglie illustrate.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook