L’errore che fanno ancora troppi genitori quando legano i loro figli al seggiolino dell’auto (e che potrebbe costare caro)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Quando metti tuo figlio o tua figlia nel seggiolino per auto, assicurati di non fare questo comune errore che potrebbe metterli in pericolo

C’è un errore che molti guidatori e genitori commettono quando mettono la cintura di sicurezza o fissano i propri figli sul seggiolino dell’auto. Scopri come rendere più sicuro ogni tuo viaggio in auto con un semplice consiglio.

Quando ti metti alla guida, l’ultimo dei tuoi pensieri è quello di toglierti il giubbino prima di partire. Se stiamo parlando di un piumino ben imbottito, magari impermeabile, potresti star mettendo a repentaglio la tua sicurezza.

In sostanza, lo spazio aggiuntivo tra la cintura di sicurezza e il tuo corpo rallenta di preziosi millisecondi la sua contrazione, causando infortuni in caso di incidente. Per questo, sarebbe preferibile optare per un giubbotto poco imbottito, o fatto di materiali sottili ma molto caldi.

Se il rischio è reale per te, per i più piccoli potremmo dire che è raddoppiato. Da alcuni test realizzati in un centro specializzato per i crash test a New York è stato riscontrato come, nonostante la presenza del seggiolino per bambini, in caso di incidente un bambino potrebbe comunque venire proiettato fuori dall’abitacolo se la cintura non è ben stretta.

I capotti imbottiti, oltre ad aumentare lo spazio tra il corpo e la cintura di sicurezza, sono scivolosi e potrebbero impedire alla cintura di aderire bene al corpo. In questo caso, i bambini potrebbero scivolare sulla destra o dal centro nonostante le cinghie. Come ultima precauzione, assicurati di aver stretto proprio le cinghie in modo adeguato. Se c’è uno spazio di due dita o più fra la cintura di sicurezza e il torso del bambino, significa che la cintura non lo proteggerà in caso di incidente.

Con qualche secondo in più di accortezza puoi assicurarti di creare un ambiente sicuro e affidabile per te e per chi viaggia con te – specialmente i più piccoli.

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureando in Letterature e Culture Comparate all'Università dell'Orientale di Napoli. Si occupa di letteratura, sport, cucina e ambiente, collaborando anche con una nota rivista letteraria partenopea.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook