Latte in polvere: richiamate milioni di confezioni di Similac in tutto il mondo. I lotti venduti in Italia che non devi consumare

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il maxi richiamo da parte di Abbott è stato fatto in via precauzionale a seguito della segnalazione dei ricoveri di bambini in USA

Le confezioni  di latte in polvere per bebè sono di nuovo nella bufera dopo che c’è stato un altro maxi richiamo volontario che coinvolge oltre 40 paesi tra cui l’Italia.

A effettuare il richiamo è stata la multinazionale Abbott a seguito di quattro reclami dei consumatori (più un decesso di un bimbo), negli Stati Uniti relativi o al Cronobacter sakazakii o alla Salmonella Newport in neonati che avevano consumato latte artificiale in polvere prodotto nello stabilimento a Sturgis, nel Michigan, che però distribuisce i suoi prodotti in oltre 40 paesi in tutto il mondo.

Entrambi i batteri sono pericolosissimi per gli infanti. L’infezione da salmonella si manifesta tramite febbre, crampi addominali, nausea e vomito, mentre quella da Cronobacter sakazakii può provocare gravi meningiti con un tasso di mortalità molto elevato. I bimbi americani avevano mostrato sintomi correlati a questi batteri tra settembre e dicembre 2021.

I lotti incriminati sono quelli delle formule Similac, Alimentum e EleCare., La Food and Drug Administration ha perciò allertato i consumatori a non usare queste formule se:

  • le prime due cifre del codice vanno da 22 a 37,
  • il codice sul contenitore contiene K8, SH o Z2,
  • la data di scadenza è 4-1-2022 (APR 2022) o successiva.

Il richiamo americano è stato seguito da una comunicazione della Food Standards Agency nel Regno Unito che a sua volta ha avvisato le famiglie di non utilizzare le stesse formule ritirate dal commercio americano per la possibile presenza di salmonella nelle confezioni inglesi. Anche il Canada ha emesso lo stesso richiamo.

Il richiamo ha un impatto su Alimentum, EleCare e Human Milk Fortifier per i mercati al di fuori degli Stati Uniti”

Anche in Italia il Ministero della Salute ha provveduto a diffondere il richiamo alimentare, mettendo in guardia dal consumare i lotti interessati fino al 1 aprile

richiamo abbott italia

@Ministero della Salute

Nel frattempo Abbott Italia ci fa sapere che

i lotti dei prodotti interessati in Intalia sono esclusivamente di Alimentum ed Elecare. nessun altro prodotto nutrizionale Abbott – o prodotto Similac – distribuito in Italia è interessato da questo richiamo. E’ importante sottolineare che tutti i prodotti distribuiti sono risultati negativi alla presenza di questi batteri e l’azienda sta continuando ad effettuare i test. Abbott effettua controlli di qualità approfonditi su ogni lotto di alimenti per lattanti, comprese le analisi microbiologiche, prima dell’immissione in commercio. Tutti i prodotti per lattanti sono testati per Cronobacter sakarazii, Salmonella Newport e altri agenti patogeni e devono risultare negativi prima dell’immissione in commercio. Inoltre i campioni relativi ai tre reclami per Cronobacter sakarazii sono risultati negativi per Cronobacter sakarazii. Anche il campione relativo al reclamo per Salmonella Newport è risultato negativo alla Salmonella Newport. In Abbott, la priorità è fornire ai nostri clienti un prodotto nutrizionale di altissima qualità”

Fonte: Food Safety News / Ministero della Salute

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Ti consigliamo inoltre:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Lingue, attivista e volontaria per i diritti degli animali. Amante della cucina vegetale, di vini rossi e di tutto ciò che profumi di cannella.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook