Se tuo figlio è appassionato di dinosauri potrebbe essere più intelligente della media

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Uno studio ha dimostrato che i bambini ossessionati dai dinosauri sono più intelligenti della media. Ecco perché e in che modo i dinosauri sono utili al loro sviluppo

Tuo figlio è ossessionato dai dinosauri? Ne conosce tutti i nomi, le abitudini, i comportamenti? Ebbene, secondo diversi studi, è un ottimo segno!

Secondo uno studio del 2008 il forte interesse per i lucertoloni preistorici (come d’altronde qualunque altra passione intensa) favorirebbe lo sviluppo cognitivo dei bambini, aiutandoli a sviluppare una maggiore capacità di pensiero complesso, migliori capacità di attenzione e di elaborazione delle informazioni, migliori capacità linguistiche e di pensiero creativo. A tutto beneficio della loro intelligenza.

Non a caso i bambini appassionati di dinosauri, in particolare quelli di età compresa tra i 4 e i 6 anni, in media sono risultati più intelligenti rispetto ai coetanei della stessa età,

Senza contare che accorgersi di saperne di più dei genitori su un dato argomento, li fa sentire particolarmente fieri di se stessi, con risvolti positivi sull’autostima.

A tal proposito Kelli Chen, terapista occupazionale psichiatrico pediatrico presso la Johns Hopkins, ha dichiarato alla CNN :

Un’ossessione per i dinosauri, quindi, può essere il modo in cui un bambino affronta un nuovo argomento in un modo che gli sembra familiare: attraverso il divertimento. Fare domande, trovare risposte e acquisire competenze è il processo di apprendimento in generale. Esplorare un argomento e padroneggiarlo è utile perché è così che formiamo carriere da adulti.

In realtà non vale solo per i dinosauri, qualunque interesse intenso in età infantile, seppure solitamente destinato a durare un tempo limitato, apporta benefici, migliorando la memoria, favorendo la capacità di suddividere in categorie, le abilità linguistiche e molto altro.

Vale quindi la pena incoraggiare le passioni dei bambini e invogliarli a coltivarle.

FONTE: ScienceDirect

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Beni Culturali, redattrice web dal 2008 e illustratrice dal 2018. Appassionata di viaggi, folklore, maschere tradizionali. Si occupa anche di tematiche ambientali, riciclo creativo e fai da te. Con SpiceLapis ha realizzato "Memento Mori, guida illustrata ai cimiteri più bizzarri del mondo". Nel 2018 ha dato vita a Mirabilinto, labirinto di meraviglie illustrate.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook