“In questo paese i bambini giocano ancora per strada”: il cartello che ci insegna a riscoprire il valore della lentezza

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

I bambini che giocano in strada sono ormai un evento raro: in questo Comune del bellunese, un cartello diventato virale sui social ne tutela la spensieratezza

Nel Comune di San Gregorio nelle Alpi, in provincia di Belluno, è stato affisso un cartello molto particolare. Realizzato dai piccoli alunni di una scuola primaria, il cartello invita automobilisti e adulti in generale a rallentare e a fare attenzione, perché ci sono i bambini che ancora giocano per strada.

È proprio l’uso dell’avverbio “ancora” che fa riflettere e che rende questo cartello unico. Vedere i bambini che giocano per strada, a pallone o a nascondino, come facevano i nonni, è ormai uno spettacolo raro. I nostri figli, dopo l’orario scolastico, passano da un’attività a un’altra, dalla palestra al corso di canto alle lezioni di inglese.

Il poco tempo libero che resta a loro disposizione viene troppo spesso impiegato davanti agli schermi di telefonini e tablet. È chiaro che l’azione di scendere in cortile e giocare con gli amici sia rara e preziosa come l’acqua nel deserto.

Leggi anche: Vietato l’uso degli smartphone fino alla terza media: 200 famiglie firmano il patto digitale con la scuola

Se da una parte i bambini sono disabituati a questo genere di passatempo, a questo divertimento spontaneo che fa sudare e sbucciare le ginocchia ma che riempie i polmoni di aria fresca e il cuore di gioia, dall’altra parte anche gli adulti non sono abituati a vedere in giro ragazzini scorrazzanti e urlanti e non sanno come muoversi per non far loro del male.

Da qui l’idea del cartello per mettere in guardia i grandi: “Rallentare. In questo paese i bambini giocano ancora per strada“. La foto di questo cartello è stata condivisa su Facebook da una pagina di appassionati della montagna, divenendo presto virale.

Il sindaco del Comune spiega che l’iniziativa, che solo ora balza agli onori delle cronache, è vecchia già di qualche anno e si innesta in un più ampio progetto volto a favorire la socialità fra i piccoli residenti, anche con la creazione di un doposcuola per aiutare i genitori che lavorano e evitare che i bambini restino soli a casa.

Inutile dire che il bellissimo cartello è stato “imitato” anche da altri Comuni e preso a modello come iniziativa virtuosa di educazione dei ragazzi all’essere innanzitutto protagonisti sociali della vita in comunità – non solo social attraverso lo schermo di uno smartphone.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonte: Vivere la montagna

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Sono laureata in Lingue e Culture Straniere. Da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile, tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook