Bambola e set da dottore ritirate dai punti vendita Carrefour: rischio soffocamento

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Questa bambola, venduta insieme a un set da dottore, è stata ritirata perché un difetto potrebbe far staccare alcune piccole parti, pericolose se ingerite

Alcune piccole parti in plastica potrebbero staccarsi. Se ingerite dai bambini potrebbero rivelarsi molto pericolose. Per questo Carrefour ha disposto l’immediato richiamo di una bambola.

Si tratta del “Set Dottore my Sick Baby doll” del marchio Aimantine (codice EAN 36146134457495). Il set da dottore venduto insieme alla bambola dai vari punti vendita Carrefour potrebbe causare soffocamento. Un difetto nella resistenza della siringa e dell’otoscopio potrebbe favorire il distacco di piccole parti, che un bambino o una bambina potrebbe accidentalmente ingerire.

Da qui il richiamo immediato di tutte le bambole di questa tipologia dai negozi Carrefour:

“I clienti che avessero acquistato questo prodotto a partire dal mese di settembre 2019 sono pregati di non utilizzare più la siringa e l’otoscopio e riportarli, possibilmente assieme alle altre arti del set (stetoscopio, biberon, ecc.), nel punto vendita di acquisto per il rimborso” suggerisce Carrefour.

bambola set dottore

©Carrefour

Per ulteriori informazioni è possibile contattare il numero verde 800 650 650 (per chiamata da rete fissa) e da cellulare 02.21079072.

Fate attenzione se l’avete acquistata!

Fonti di riferimento: Carrefour

LEGGI anche:

Pericolo ftalati oltre i limiti: ritirata questa bambola dal ministero della Salute

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook