Assegno familiare temporaneo, attenzione: ultimi due giorni per richiedere gli arretrati

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Ultimi due giorni per richiedere gli arretrati dell'assegno temporaneo per i figli prima dell'entrata in vigore di quello unico

Nel Regno Unito emessa una moneta per celebrare il 50° del Pride

C’è tempo fino al 31 ottobre 2021 per richiedere gli arretrati del cosiddetto assegno temporaneo per i figli minorenni. Detto anche “assegno ponte”, è uno strumento che anticipa quello unico universale che sarà introdotto a partire dal 1° gennaio 2022. Non tutti sanno, però, che non si fa domanda entro i prossimi due giorni andranno perse tutte le mensilità arretrate dal mese di luglio fino ad ottobre.

A fine settembre, infatti, il Consiglio dei Ministri ha approvato un decreto legge che ha prorogato al 31 ottobre 2021 i termini, precedentemente fissati per il 30 settembre 2021. Invece, per le domande presentate all’Inps da lunedì 1 novembre l’assegno temporaneo sarà erogato a decorrere dal mese di presentazione della domanda, ovvero da novembre. 

Leggi anche: Assegno unico e assegno al nucleo familiare: si può scegliere?

Chi ha diritto all’assegno ponte 

L’assegno temporaneo è riservato a quelle famiglie che non abbiano già diritto all’assegno unico per i figli e a condizione che al momento dell’invio della domanda e per tutta la durata del beneficio, siano i possesso di questi requisiti:

  • ISEE, in corso di validità, inferiore a 50.000 euro annui
  • essere cittadino italiano o di uno Stato membro dell’Unione europea, o suo familiare titolare del diritto di soggiorno
  • essere cittadino di uno Stato non appartenente all’Unione europea, in possesso del permesso di soggiorno Ue per soggiornanti di lungo periodo o del permesso di soggiorno per motivi di lavoro o di ricerca di durata almeno semestrale
  • essere soggetto al pagamento dell’imposta sul reddito in Italia
  • essere domiciliato o residente in Italia e avere i figli a carico sino al compimento del 18esimo anno d’età
  • essere residente in Italia da almeno 2 anni, anche non continuativi, oppure essere titolare di un contratto di lavoro a tempo indeterminato o a tempo determinato di durata almeno semestrale

L’importo dell’assegno si abbassa all’aumentare dell’Isee e va da un minimo di 30 euro ad un massimo di 217,8 euro mensili per ogni figlio. Inoltre, è prevista una maggiorazione di 50 euro in caso di figli con disabilità.

Come fare domanda

La richiesta può essere inoltrata una sola volta per ogni figlio attraverso vari canali: il sito www.inps.it., se si è in possesso del codice Pin dispositivo rilasciato dall’Istituto entro il 1° ottobre 2020, oppure di Spid di livello 2 o superiore o una Carta di identità elettronica 3.0 (Cie), o una Carta nazionale dei servizi (Cns); il contact center integrato al numero verde 803.164 (gratuito da rete fissa) o il numero 06 164.164; oppure attraverso i patronati. 

Seguici su Telegram | Instagram Facebook | TikTok | Youtube

Fonte: INPS

Leggi anche: 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo all'Università La Sapienza, ha collaborato con Le guide di Repubblica e con alcune testate siciliane. Appassionata da sempre al mondo del benessere e del bio, dal 2020 scrive per GreenMe

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook