Annegamento a mare o in piscina: tutto quello che devi sapere per evitare che tuo figlio sia in pericolo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

È la terza causa di morte dopo la meningite e l’HIV sotto i 15 anni e i più a rischio sono i bambini fino a 4 anni.

Non conservare così l'avocado: è pericoloso

È la terza causa di morte dopo la meningite e l’HIV sotto i 15 anni e i più a rischio sono i bambini fino a 4 anni, che – attenzione – possono trovare difficoltà già in pochi centimetri di acqua. Eppure, ogni anno muoiono per annegamento, ancora, oltre 300mila persone e ogni giorno sentiamo almeno un caso di cronaca. Perché succede? E, soprattutto, come evitare gli annegamenti?

Secondo quanto riportato dall’Istituto superiore di sanità ogni anno più di 400 persone muoiono in Italia per annegamento: un vero e proprio allarme, tra l’altro già lanciato dall’Oms nel 2014, pubblicando il primo Rapporto mondiale sugli annegamenti. 

Leggi anche: Bagno in mare: bisogna davvero aspettare 3 ore dopo aver mangiato?

Il motivo? Più di uno: se da un lato c’è – purtroppo – la poca accortezza di genitori e tutori, dall’altro gioca un ruolo fondamentale la poca conoscenza dell’acqua: secondo il pediatra Italo Farnetani ideatore del progetto delle Bandiere Verdi che segnala le spiagge adatte ai bambini scelte dai pediatri e intervistato da Huffpost, tra i 7 e i 18 anni c’è una vera emergenza nuoto. In molti, in pratica non sanno nuotare.

Cosa fare allora? Ecco un vademecum del dottor Farnetani:

  • non lasciare mai da soli i bambini
  • garantirsi, se possibile, la presenza del Servizio di salvataggio, che non deve essere mai interrotto
  • seguire le ordinanze di balneabilità dei sindaci, evitando le zone dove si praticano sport acquatici
  • entrare lentamente in acqua, per evitare sbalzi termici
  • proteggere la loro pelle dal sole
  • mantenerli idratati
  • cercare acque pulite
  • in vista dell’estate, far sì che i bambini si formino sulla sicurezza in spiaggia e in piscina

E quanto alle piscine? L’ISS aveva già l’anno scorso diffuso un interessante opuscolo con pochi semplici regole:

  • sorvegliare costantemente i bambini in acqua
  • recintare le piscine
  • coprirle con un telo quando non si usano
  • togliere tutti i giocattoli, far indossare le cuffie

In più, tenete a mente di:

  • fare attenzione agli specchi d’acqua dai fondali irregolari, come i fiumi, di cui non si vede il fondo (vi è il rischio di rimanere intrappolati), o con corrente
  • ricordare al bambino di controllare sempre la profondità dell’acqua prima di tuffarsi e di non tuffarsi nella parte della piscina in cui l’acqua è bassa
  • ricordare al bambino di non sforzarsi di tenere il fiato sott’acqua
  • ricordare al bambino di nuotare sempre in compagnia di qualcuno

Fonti: Huffpost / ISS

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per greenMe dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook