Via Appia patrimonio dell’Umanità, la “Regina Viarum” ufficialmente candidata all’Unesco

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

È la “Regina Viarum” e collegava Roma a Brundisium (Brindisi), il più rilevante porto per la Grecia e l’Oriente nel mondo dell’antica Roma. È con ogni probabilità la più nota strada romana di cui siano rimasti resti

Quattro Regioni (Lazio, Campania, Basilicata e Puglia), dodici tra Province e Città metropolitane, 73 Comuni, 15 Parchi, la Pontificia Commissione di Archeologia Sacra e 25 Università italiane e straniere. Un progetto davvero mastodontico, come mastodontica è la Via Appia, la Regina Viarum, che potrebbe presto fregiarsi del titolo di Patrimonio Unesco.

Alle Terme Diocleziane di Roma, infatti, nelle scorse ore è stato sottoscritto il protocollo d’intesa per la candidatura del sito “Via Appia. Regina Viarum” per l’iscrizione nella lista del Patrimonio Mondiale dell’Umanità.

Leggi anche: L’Appia Antica si prepara a diventare Patrimonio mondiale dell’umanità: presentata la candidatura all’Unesco

La strada consolare, circa 900 km di tracciato da Roma a Brindisi inclusa la variante traianea, rappresenta non solo il prototipo del sistema viario romano, ma è anche simbolo millenario delle relazioni tra le civiltà del Mediterraneo e quelle dell’Oriente e dell’Africa.

La candidatura

La Via Appia è un esempio della grandezza romana, la prima via pubblica e il prototipo, anche dal punto di vista tecnico, di altre strade che hanno poi costruito i romani – si legge nella nota del Ministero.

Ma è anche molto di più, era un crocevia culturale, parte del sistema culturale e sociale del mondo romano: questa era forse la sua importanza principale e questo sarà l’aspetto sul quale puntiamo – ha spiegato il sottosegretario Mazzi – Il ministero ha già investito 19 milioni di euro in restauri, conservazione e per la preparazione del fascicolo. Speriamo di farcela. Quando gli italiani giocano uniti, nessun risultato è impossibile.

Il 20 gennaio la candidatura sarà valutata dal Consiglio direttivo della Commissione Nazionale Italiana Unesco. A seguire, la richiesta sarà inviata a Parigi.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonte: Ministero della Cultura

Leggi anche: 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per greenMe dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook