Incredibile scoperta: trovata una sezione del Vallo di Adriano durante i lavori per il sistema idrico

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Si tratta di una sezione del famoso Vallo di epoca romana scoperta durante i lavori alle condutture idriche nella città di Newcastle

Quanta frutta e verdura dobbiamo mangiare ogni giorno?

Si tratta di una sezione del famoso Vallo di epoca romana finora sconosciuta, scoperta durante i lavori alle condutture idriche nella città di Newcastle, nel nord-est dell’Inghilterra.

Il Vallo di Adriano, costruito per volere dell’imperatore romano da cui prende il nome, divide l’isola della Gran Bretagna in due parti da quasi duemila anni. Fu ideato come segnalazione del confine fisico fra le province romane della Britannia e della Caledonia e il mondo dei barbari. Riconosciuto nel 2005 come patrimonio Unesco dell’umanità, ancora oggi attrai migliaia di turisti e appassionati di storia ogni anno.

Ciò che è incredibile è che alcuni lavori alle condutture idriche della città di Newcastle, gestite dalla società Northumbrian Water, hanno portato alla luce una nuova e finora sconosciuta sezione del vallo ‘sotterrata’ sotto una strada trafficata della città. La società idrica stava compiendo lavori programmati per migliorare la qualità dell’acqua nelle case quando ha fatto l’incredibile scoperta.

(Leggi anche: Scoperta straordinaria a Venezia: ritrovata un’antica strada romana sotto alla laguna)

La nuova sezione è lunga circa tre metri secondo un comunicato stampa diffuso dalla stessa azienda del servizio idrico, ed è costituita da massicci blocchi di pietra – il che suggerisce che si tratta di una delle prime sezioni del vallo ad essere costruite, visto che per le altre sono state utilizzate pietre più piccole.

È stupefacente il fatto che siamo riusciti a fare questa splendida scoperta, e siamo felici di lavorare con l’Archaeological Research Services per fare in modo che il ritrovamento sia opportunamente tutelato – ha affermato Graeme Ridley, Project Manager from Northumbrian Water. – È una parte incredibile del patrimonio archeologico del nord est e siamo onorati di aver contribuito alla sua scoperta.

Nonostante il percorso del Vallo di Adriano fosse già noto e documentato in quest’area della città, è sempre entusiasmante scoprire nuovi pezzi del muro e avere così l’opportunità di conoscere nuove cose in merito a questo sito archeologico così significativo – dice invece Philippa Hunter dell’Archaeological Research Services. – Ciò vale soprattutto se pensiamo che la sezione appena scoperta è una delle prime ad essere state costruite dai Romani.

Seguici su Telegram Instagram Facebook TikTok Youtube

Fonte: Northumbrian Water Group

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Sono laureata in Lingue e Culture Straniere. Da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile, tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook