San Martino, l’antica tradizione della maturazione del vino nuovo nella poesia di Carducci

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Forse nessuno come Carducci è mai riuscito a descrivere in modo così vivido le atmosfere e i profumi (come quello del vino in fermentazione) dell'autunno. In occasione della festa di San Martino - che ricorre l'11 novembre - rispolveriamo la sua suggestiva poesia

Oggi celebriamo San Martino, una ricorrenza ancora molto sentita nel nostro Paese, le cui origini sono molto antiche. Come da tradizione, tante famiglie e amici in questa giornata si riuniranno per trascorrere qualche ora insieme mangiando i prodotti tipici dell’autunno. Immancabili sulla tavola le castagne e il vino, un’accoppiata celebrata anche in un detto popolare, ancora molto diffuso.

San Martino, vescovo di Tours, è fra i santi più venerati del medioevo, in particolare in Francia. La sua figura viene ricordata per la sua grande generosità per aver aiutato un povero in una giornata piovosa e fredda. Secondo la leggenda, Martino – che all’epoca era un soldato romano – vedendo il mendicante decise di tagliarlo a metà con la sua spada per evitare che l’uomo morisse di freddo. In quel momento la pioggia smise di cadere e le nuvole si aprirono e la giornata divenne quasi estiva.

Da qui la celebre espressione “Estate di San Martino” (che quest’anno più che mai è diventata realtà, visto l’ondata di caldo record).

Questa ricorrenza ha ispirato diversi pittori e compositori. Ma la poesia che forse più di tutte celebra descrive in maniera molto vivida l’atmosfera, i sapori e i profumi di questo periodo dell’anno è quella di Giosuè Carducci. Un componimento particolarmente sonoro, dedicato a uno dei simboli autunnali per eccellenza: il vino, che bolle nelle botti, rallegrando gli animi.

Il testo della poesia

Ecco il testo dell’intramontabile poesia del poeta toscano:

La nebbia agl’irti colli
piovigginando sale,
e sotto il maestrale 
urla e biancheggia il mar;

ma per le vie del borgo
dal ribollir de’ tini
va l’aspro odor de i vini
l’anime a rallegrar.

Gira su’ ceppi accesi
lo spiedo scoppiettando:
sta il cacciator fischiando
sull’uscio a rimirar

tra le rossastre nubi
stormi d’uccelli neri,
com’esuli pensieri,
nel vespero migrar.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo all'Università La Sapienza, ha collaborato con Le guide di Repubblica e con alcune testate siciliane. Appassionata da sempre al mondo del benessere e del bio, dal 2020 scrive per GreenMe

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook