Ritrovato il relitto della spedizione Endurance, la nave inglese era affondata nel 1915

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

L'imbarcazione di Sir Ernest Shackleton è stata ritrovata dopo ben 107 anni, era affondata nel mare dell'Antartide nell'ultima spedizione

Quanta frutta e verdura dobbiamo mangiare ogni giorno?

Il vascello inabissato dell’esploratore inglese Sir Ernest Shackleton è stato identificato dopo 107 anni nelle profondità del Mare di Weddell, in Antartide, non troppo distante dall’ultima posizione registrata agli inizi del Novecento. L’imbarcazione era rimasta bloccata nel gennaio del 1915 tra i ghiacci perenni artici, per poi naufragare nel novembre. Shackleton ed i suoi uomini erano riusciti miracolosamente a mettersi in salvo, per poi salire su piccole scialuppe verso la Georgia del Sud dove chiedere soccorso disperato ed avevano visto la loro nave andar persa per sempre, mentre scompariva nelle profondità degli abissi.

Dopo più di un secolo un team di scienziati della spedizione Endurance22, progetto coordinato dal Falklands Maritime Heritage Trust, ha finalmente rinvenuto il relitto perduto a 3.000 metri di profondità, utilizzando per prima cosa il rompighiaccio sudafricano Agulhas II e poi dei sommergibili telecomandati di cui questo è dotato che hanno ispezionato la vastissima area del Mare di Weddell dove si ipotizzava potesse essere l’imbarcazione, fino al ritrovamento nei giorni scorsi.

Nonostante il tempo passato, il relitto sembra essersi conservato più che bene, anzi egregiamente ed anche il nome della nave – Endurance – è ben visibile a poppa.

Senza esagerare, questo è il più bel relitto di legno che abbia mai visto, di gran lunga”

ha detto l’archeologo marino Mensun Bound. Tutto sembra essersi conservato come allora tranne danni molto evidenti a prua che sono indice dell’imbatto con il fondale marino.

L’imbarcazione era naufragata durante il viaggio più celebre dell’esploratore: la prima spedizione trans-antartica, ma dopo mesi in mare l’inverno glaciale non dette scampo alla nave, il suo equipaggio riuscì tuttavia sorprendentemente a salvarsi.

Ai sensi del Trattato internazionale sull’Antartide, il relitto scoperto non verrà portato a galla o mosso dalla sua posizione attuale poiché

I nostri obiettivi per Endurance22 erano individuare, rilevare e filmare il relitto, ma anche condurre importanti ricerche scientifiche”

ha affermato Donald Lamont del Falklands Maritime Heritage Trust.

Fonte: Endurance22

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Leggi anche:

 

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Lingue, attivista e volontaria per i diritti degli animali. Amante della cucina vegetale, di vini rossi e di tutto ciò che profumi di cannella.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook