Questo dipinto, scampato alle esplosioni del porto di Beirut del 2020, è opera di Artemisia Gentileschi

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il quadro, di cui finora non si ipotizzava l'artefice, è stato gravemente danneggiato dalle esplosioni che hanno colpito il porto di Beirut nel 2020

Ricorderete certamente l’esplosione nel porto di Beirut, nell’agosto del 2020, che provocò oltre 200 morti e 7.500 feriti. Decine furono gli edifici distrutti o danneggiati dall’incidente. Tra questi, anche il Palazzo Sursock, una splendida residenza privata costruita a metà dell’Ottocento, a metà strada fra un palazzo veneziano e le ambientazioni fatate da mille e una notte.

Conservati all’interno della residenza quadri e altre opere d’arte di inestimabile valore, che i restauratori di tutto il hanno cercato di riportare al loro splendore originario. Ed è proprio da questi restauri che arriva un’incredibile scoperta.

Il dipinto “Ercole e Onfale”, attualmente in restauro presso il John Paul Getty Museum di Los Angeles, sarebbe opera della pittrice italiana Artemisia Gentileschi, attiva in epoca barocca. Il quadro va ad aggiungersi all’altro lavoro presente nella residenza libanese e sempre attribuito a Gentileschi: la “Maddalena Sursock”, restaurata nel nostro Paese.

Il quadro raffigura la scena che si svolge all’indomani dell’omicidio, commesso involontariamente da parte di Ercole, del giovane figlio del re di Echalia, Ifito. Come punizione, l’oracolo di Delfi condanna Ercole a lavorare come schiavo per un anno.

Ma non solo: il grande eroe è costretto a fare lavori femminili e indossare abiti femminili. Infatti, nel quadro si può vedere il virile Ercole che, indossati abiti da donna, che tiene un fuso di lana mentre Onfale e le sue fanciulle fanno la filatura.

Leggi anche: Artemisia Gentileschi fu stuprata e torturata: è la pittrice più coraggiosa della stori

Purtroppo il dipinto è stato gravemente danneggiato nell’esplosione – in particolare, dalla pioggia di detriti e di vetri in frantumi che hanno letteralmente squarciato la tela. Il lavoro di restauro, che si preannuncia molto lungo, sarà introdotto da una attenta analisi volta a fare una stima dei danni e a ripulire la tela da sporcizia e resti dell’esplosione. Alla fine del restauro, il dipinto sarà esposto in una mostra al Getty Museum, prima di essere restituito alle autorità libanesi.

dipinto artemisia gentileschi

@Getty Museum

Il quadro finora era considerato di anonimo autore. La sua nuova attribuzione alla pittrice Gentileschi si basa sugli studi compiuti dallo storico dell’arte libanese Gregory Buchakjian. Anche le misure e la complessità nella composizione delle figure portano ad avvalorare questa tesi.

Con questo quadro, il numero dei dipinti attribuiti ad Artemisia Gentileschi sale a 61. Secondo gli esperti, “Ercole e Onfale” sarebbe stato dipinto intorno al 1635, durante un soggiorno napoletano dell’artista, e sarebbe arrivato a Beirut negli anni Venti dopo il matrimonio di Alfred Sursock con Maria Teresa Serra di Cassano, una esponente di una vecchia famiglia napoletana.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonti: Getty Museum / ANSA

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Sono laureata in Lingue e Culture Straniere. Da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile, tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook