Roma: nuovo murales mangia-smog colora la piazza e depura l’aria nello storico quartiere della Garbatella

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

A Roma, nel quartiere Garbatella, il nuovo murales promosso da Yourban2030 per valorizzare gli spazzi comuni nell'ottica della sostenibilità sociale e ambientale.

È stato inaugurato a Roma il nuovo murales Urban Fragments, firmato della giovane artista Maria Ginzburg, che porta a termine la riqualificazione della piazza antistante la stazione metro di Garbatella, uno dei nodi nevralgici dello storico quartiere romano.

Il dipinto è stato realizzato con la pittura anti-smog di Airlite, in grado di assorbire sostanze inquinanti. Con i suoi 36 mq di vernice anti-smog, l’opera eliminerà (trasformandoli in sali inerti) circa 5,54 g di NOx/giorno, come 36 mq di foresta, assorbendo lo smog di circa 7,7 auto benzina euro 6 al giorno.

Promotrice del progetto è l’associazione no-profit Yourban 2030, ormai impegnata da anni a inserire nel tessuto urbano interventi artistici che uniscono temi sociali e rispetto ambientale. L’opera si inserisce nel contesto di un intervento di riqualificazione più ampio, che nel dicembre 2021 ha portato all’istallazione di un mosaico tecnologico green, il primo Green Smart Wall della capitale.

(Leggi anche: Inaugurato il primo mosaico realizzato con eco-piastrelle 100% biodegradabili su un muro della metro Garbatella di Roma)

Abbiamo iniziato un percorso  di riqualificazione alla stazione metro di Garbatella, portando una nuova tecnologia circa un mese fa, utilizzando delle bio-piastrelle in bioresina. Abbiamo poi pensato di finire la riqualificazione di questa piazza omaggiando questo quartiere con un murales green, realizzato con pitture che assorbono l’inquinamento e un murales che racconta dei frammenti di questo quartiere.

Urban Fragments rappresenta un’originale visione del quartiere, che regala a visitatori e passanti un’inedita mappa di Garbatella, mettendone in evidenza l’anima unica, insieme a monumenti e luoghi di interesse. La quotidianità incontra così la storia, la luce tipica delle vie e dei vicoli, gli scorci inaspettati e i colori dei palazzi, che assumono qui forma d’arte, quasi a ricordare quelle rappresentazioni primo novecentesche di spazi e luoghi, coniugando sguardo poetico, sostenibilità e vita di tutti i giorni.

Urban Fragments è stata un’esperienze nuova di approccio al murales, ed è il mio primo murales green” – racconta Maria Ginzburg – L’idea artistica è nata a partire dal confronto con il contesto. Stiamo parlando di un muro che fa da cornice a un’area di socialità, un luogo che da mero passaggio doveva diventare spazio di incontro. Volevo quindi creare un pattern rappresentativo del contesto storico artistico di Garbatella, però al tempo stesso doveva essere un lavoro rispettoso della socialità. Quindi la scelta tecnica è stata quella del pattern astratto che fosse facilmente visualizzabile ma che desse anche la possibilità di un ulteriore approfondimento per chi fosse interessato a scoprire i personaggi e i dettagli che immaginariamente popolano il quartiere, lo vivono e anche gli danno quella marcia in più, con i suoi monumenti e i suoi scorsi artistici

Leggi anche

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Redattrice su temi della sostenibilità sociale e ambientale. Laureata con lode in filosofia, ha conseguito un master di II livello in Rendicontazione Innovazione e Sostenibilità. Ha maturato esperienza nella comunicazione e nell’organizzazione di eventi presso enti profit e no profit.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook