L’installazione artistica che racconta la lotta contro la diga italiana delle donne indigene della Valle dell’Omo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Un’installazione artistica multimediale che racconta la vita dei popoli indigeni e la loro lotta alla sopravvivenza per salvare le terre ancestrali. Dal 1 ottobre al Mudec al via la mostra “Se a parlare non resta che il fiume”.

Se a parlare non resta che il fiume: le donne indigene della Valle dell’Omo raccontano la lotta contro la diga italiana

Un’installazione artistica multimediale che racconta la vita dei popoli indigeni e la loro lotta alla sopravvivenza per salvare le terre ancestrali. Dal 1 ottobre al Mudec al via la mostra “Se a parlare non resta che il fiume”.

Un’esperienza immersiva pensata da Studio Azzurro e dalla fotografa Jane Baldwin, a sostegno di Survival International che ha come obiettivo quello di suscitare empatia per le vite, le terre e le culture dei popoli indigeni che, nella bassa Valle dell’Omo in Etiopia e attorno al Lago Turkana in Kenya, sono stati colpiti da una drammatica crisi umanitaria e ambientale provocata dall’uomo.

“Con la mia arte voglio richiamare l’attenzione sulle minacce che incombono sui popoli indigeni. Ho ascoltato e raccolto le storie di queste donne in dieci anni di viaggi compiuti tra il 2005 e il 2014. Oggi la mia speranza è che questa installazione immersiva e la collaborazione che le ha dato vita produca empatia, accresca la consapevolezza e risvegli la nostra umanità agendo da catalizzatore per un cambiamento”, spiega la fotografa.

mostra popoli indigeni mudec1

Da tempo parliamo di questo popolo indigeno e del gigantesco progetto idroelettrico che li minaccia. Un’enorme diga idroelettrica, la Gibe III, è in costruzione sul fiume Omo e fornirà l’acqua a vaste piantagioni commerciali che si trovano nelle terre ancestrali delle tribù.

“La società italiana Salini Costruttori ha iniziato nel 2006 a costruire l’opera, che ora è quasi completa, così il fragile ambiente e i mezzi di sussistenza delle tribù, strettamente legate al fiume e alle sue esondazioni annuali, verranno distrutti”, scrive Survival International, l’organizzazione da sempre a fianco dei popoli indigeni.

L’installazione racconta proprio questo, attraverso le voci delle donne.

“Tra i suoni ovattati del lento mormorio dell’acqua, il pubblico è avvolto nella penombra di uno spazio senza colore. Al centro dello spazio, una metaforica scultura di creta rossa si libra a mezz’aria simboleggiando il corso sinuoso del fiume – la sua superficie secca a rappresentare il letto del fiume inaridito, privato delle sue esondazioni naturali da un controverso progetto di sviluppo in cui l’Italia gioca un ruolo chiave”, si legge sul sito della mostra.

E ancora:

“Il fiume diventa cantastorie, il suono del suo scorrere si fa parola. Come d’incanto, grazie al lento comparire dei loro volti, emergono via via le testimonianze delle donne, che si intrecciano e sovrappongono prima di tacere e dissolversi lentamente nel gorgoglio delle acque”.

Nel giugno 2018, l’Unesco ha inserito il Lago Turkana nella Lista dei Patrimoni dell’Umanità in pericolo.

“Noi siamo le nostre storie – storie che possono rappresentare una prigione o un’opportunità di riscatto” ha commentato Leonardo Sangiorgi di Studio Azzurro. “Grazie alla forza delle voci e delle immagini di cui è intessuto, questo racconto vuole rompere il silenzio ed essere una liberazione, generare nuove visioni e favorire un cambiamento di prospettiva”.

Come tutti i popoli indigeni del mondo, anche le tribù della valle dell’Omo sono minacciate da razzismo, furti di terra, sviluppo forzato e violenze genocida e questa volta il progetto della diga è targato made in Italy.

“Ci auguriamo che le storie raccontate nella mostra ispirino i visitatori a partecipare alla battaglia contro una delle crisi umanitarie più urgenti e raccapriccianti del nostro tempo”, ha dichiarato Francesca Casella, direttrice di Survival International Italia.

Il progetto è stato realizzato con il contributo della Fondazione Cariplo e il patrocinio della Regione Lombardia.

INFO UTILI:

ORARI: Lun 14.30 ‐19.30
Mar, Mer, Ven, Dom 09.30 ‐ 19.30
Gio, Sab 9.30‐22.30
L’ingresso è libero

Per maggiori info:

0254917 (lun-ven 10.00-17.00)
Singoli: helpdesk@ticket24ore.it
Gruppi e scuole: ufficiogruppi@ticket24ore.it

Per saperne di più sui popoli indigeni della valle dell’Omo:

Dominella Trunfio

Foto:©Jane Baldwin/Studio Azzurro

Foto cover

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook