Encanto: tripla nomination agli Oscar per “non si nomina Bruno” e Mirabel, l’eroina dell’empatia

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Encanto, dopo il suo grande successo, incassa ben tre nomination agli Oscar, soprattutto grazie al tormentone che ha fatto impazzire i bambini di tutti il mondo: migliore colonna sonora, migliore canzone e miglior film d'animazione

Il film Disney racconta la storia di una famiglia dotata di poteri magici. Ma c’è un potere che vince su tutto: l’empatia

Nelle sale dallo scorso 24 novembre, Encanto è il 60esimo classico firmato Disney. Ambientato in Colombia, tutto si svolge nella casita della famiglia Madrigal in cui ognuno ha un potere speciale: c’è chi parla con gli animali, chi guarisce le ferite, chi prevede il futuro, chi ha una super forza.

Tutti, tranne Mirabel, ricci scuri e un paio di occhiali rotondi, il giorno della cerimonia della sua iniziazione qualcosa si non è andato per il verso giusto e non ha ricevuto un dono. O non è così?

Leggi anche: “Soul”, il film della Disney-Pixar che ci insegna a far vibrare l’anima (al ritmo di jazz)

Diretto da Byron Howard e Jared Bush, che insieme avevano realizzato anche Zootropolis e Oceania, e scritto da Charise Castro Smith, Encanto ha la meravigliosa colonna sonora di Lin-Manuel Miranda.

La trama

La famiglia Madrigal vive tra le montagne della Colombia, in un luogo incantato chiamato Encanto. Tutti i componenti di questa bizzarra famiglia hanno dei poteri magici: dalla capacità di guarigione a una forza immane.

La magia di Encanto, però, non ha donato alla giovane Mirabel. Possibile? Nel momento in cui scopre che il luogo in cui vive e la magia di Encanto sono in pericolo, la ragazza si rimbocca le maniche e decide di cercare una soluzione, scoprendo di essere l’unica speranza della sua famiglia. Riuscirà la normalissima protagonista a risolvere la situazione?

Tutto si risolve, con la propria forza e… l’empatia.

Il viaggio che intraprende Mirabel, infatti, consente a lei stessa e allo spettatore di guardare oltre la perfezione solamente apparente dei suoi familiari e dei loro doni speciali, e di scoprire le loro vulnerabilità e la loro complessità. Comprensione, compassione e empatia è tutto ciò di cui dispone Mirabel, un tesoro grazie al quale andrà oltre ogni “super-potere” e si connetterà con ciò che c’è di più sublime: andare oltre la facciata e vedere le persone per ciò che sono nella realtà.

Soltanto verso la fine comincia a capire che anche lei ha un super potere: è l’unica in grado di capire in maniera profonda ogni singolo componente della famiglia, di vederli per chi sono e accettarli.

Non pensate sia un super potere incredibile?

Non si nomina Bruno

“Non si nomina Bruno” ha superato “Let it Go” di Frozen nelle classifiche Billboard, diventando il singolo di maggior successo della Disney in 26 anni. Un risultato incredibile per la hit di Encanto, Un successo planetario per una melodia molto pop, intrisa di elementi latini e con incursioni hip-hop.

Seguici su Telegram Instagram Facebook TikTok Youtube

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per greenMe dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook