Crolla la pesante stella di Natale dell’Arena di Verona, danneggiati i gradoni

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Tragedia sfiorata a Verona: ieri è crollato un pezzo della gigantesca stella di Natale in acciaio - considerata l'archiscultura più grande al mondo - danneggiando in modo irreversibile i gradoni dello storico anfiteatro

La splendida arena di Verona, simbolo della città veneta risalente al I secolo d.C., è stata danneggiata da un incidente che avrebbe potuto anche trasformarsi in tragedia. Ieri mattina, durante le fasi di smontaggio degli addobbi natalizi, è crollata un parte dell’enorme stella cometa di Natale, che viene allestita dagli anni ’80. Per fortuna nesssuno si è fatto male, ma a causa del crollo le gradinate dall’anfiteatro romano hanno subito diversi danni irreversibili.

La struttura in acciaio – progettata dall’architetto Rinaldo Olivieri – è alta 70 metri, lunga 82 e pesa ben 78 tonnellate. È celebre per esssere l’archi-scultura più grande del mondo, motivo per cui è entrata anche nel Guinness dei primati. Com’è facilmente intuibile, se fosse caduta addosso a qualcuno avrebbe potuto rivelarsi fatale.

L’addobbo natalizio è realizzato in modo tale che dall’interno dell’anfiteatro svetti sopra le gradinate per poi espandersi toccando il selciato di Piazza Bra.

A seguito del crollo, sono intervenuti immediatamente i tecnici comunali e della Soprintendenza archeologia, belle arti e paesaggio della città.

Dalle prime ricostruzioni, è venuto fuoti che mentre la base della stella di Piazza Bra veniva sollevata, questa si è staccata precipitando sui gradini per poi rotolare nel teatro, finendo nella cavea.

Ma bisognerà attendere per avere informazioni dettagliate e certe sull’intera vicenda. Dopo il sopralluogo da parte delle forze dell’ordine è scattato il sequestro su disposizione della Procura, che ha aperto un’indagine per danneggiamento colposo.

Fino a quando resterà chiuso l’anfiteatro romano

Per quanto riguarda i danni economici, la quantificazione non è ancora stata effettuata. Ad occuparsene saranno i tecnici dell’Area monumenti del comune di Verona e della Soprintendenza archeologia, belle arti e paesaggio di Verona. Alla luce di quanto avvenuto l’anfiteatro romano resterà chiuso al pubblico fino al 30 gennaio.

È un dispiacere constatare un tale danneggiamento allo straordinario monumento romano che rappresenta Verona in tutto il mondo. – ha commentato la vicesindaca Barbara Bissoli – L’evento dimostra, se ve ne fosse bisogno, che l’utilizzo dell’Arena deve essere accompagnato da grande perizia e rispetto, perché qualsiasi danno rappresenta una ferita non sanabile.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Fonte: Ansa /Adnkronos 

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo all'Università La Sapienza, ha collaborato con Le guide di Repubblica e con alcune testate siciliane. Appassionata da sempre al mondo del benessere e del bio, dal 2020 scrive per GreenMe

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook