Ciao Ciao, la Rappresentante di Lista canta un messaggio sulla crisi climatica che forse non hai colto

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Speravamo sinceramente che il loro fosse un posto in classifica più alto e non solo perché è orecchiabilissima. Ma anche perché quello che cela è un messaggio davvero potente

Che spavento, come il vento –  Questa terra sparirà – Nel silenzio della crisi generale – Ti saluto con amore. Per quanti avevano pensato che Ciao Ciao de La Rappresentante di Lista – al settimo posto nella classifica finale di Sanremo 2022 ma già tormentone – fosse un pezzo frivolo senza contenuto, beh, si è sbagliato di grosso. Dietro le intenzioni di Dario Mangiaracina e Veronica Lucchesi, attivissimi anche dal punto di vista sociale, c’è molto altro.

È in realtà un vero e proprio scenario apocalittico quello che si prospetta tra le loro righe e che tra l’altro riprende quello del romanzo degli stessi LRDL, Maimamma, pubblicato lo scorso autunno.

Sono un brano e un libro, dunque, che condividono il tema dell’eredità disastrata che abbiamo ricevuto e che stiamo per lasciare ai nostri figli, e che – con le mani, con i piedi, con il cuore, con il cu**o – non risparmia nessuna parte del nostro corpo. Ma proprio nessuna.

la rappresentante di lista sanremo 2022

Twitter

Maimamma (Ed. IlSaggiatore), il romanzo

È una storia ambientata in un futuro distopico, quella della trentenne Lavinia che sta per dare alla luce un bambino. Ma tutt’attorno c’è un mondo che sta per finire e in più di 200 pagine Veronica e Dario mettono tutto dentro, tutto ciò che lascia spiazzati e senza forze: maternità, ecologia, inclusione, precarietà, femminismo.

Tutti temi cari al gruppo affrontati in parte nelle tracce di My Mamma, l’album trainato dal singolo sanremese Amare che nel 2021 aveva lanciato i LRDL al grande pubblico.

maimamma romanzo

©IlSaggiatore Edizioni

Ciao Ciao, la canzone

La canzone che i ragazzi hanno portato all’edizione di Sanremo 2022 nasce proprio da questi spunti qui, come conclusione di un ciclo, e l’anno scorso, durante i giorni dei Fridays for Future.

Molte delle suggestioni del pezzo nascono proprio da quei momenti, dai cartelli dei manifestanti, dal gridare insieme delle cose. Abbiamo sentito l’urgenza e la necessità di restituire quelle sensazioni e in una parte della canzone abbiamo voluto riprodurre proprio alcuni momenti del corteo, racconta qui Veronica Lucchesi.

La fine del mondo descritta in quei versi non va letta, dicono, per forza collegandola alla pandemia, ma senza dubbio a un momento storico che inevitabilmente coinvolge tutti. Quel motivetto che ora è nelle orecchie di tutti, insomma, mira a un obiettivo più che nobile: catapultarci all’interno di un vero dramma. Quello che stiamo vivendo ora tutti. Nessuno escluso.

Ecco il testo di Ciao Ciao

Come stai bambina?
Dove vai stasera?
Che paura intorno
È la fine del mondo
Sopra la rovina sono una regina
Ma-ma-ma
Ma non so cosa salvare
Sono a pezzi, già mi manchi
Occhi dolci, cuori infranti
Che spavento, come il vento
Questa terra sparirà
Nel silenzio della crisi generale
Ti saluto con amore
Con le mani, con le mani, con le mani
Ciao ciao
Con i piedi, con i piedi, con i piedi
Ciao ciao
E con la testa, con il petto, con il cuore
Ciao ciao
E con le gambe, con il culo, coi miei occhi
Ciao (ciao, ciao, ciao, ciao, ciao, ciao, ciao)
Questa è l’ora della fine
Romperemo tutte le vetrine
Tocca a noi, non lo senti, come un’onda arriverà
Me lo sento esploderà, esploderà
La fine del mondo è una giostra perfetta
Mi scoppia nel cuore la voglia di festa
La fine del mondo, che dolce disdetta
Mi vien da star male, mi scoppia la testa
Con le mani, con le mani, con le mani
Ciao ciao
E con i piedi, con i piedi, con i piedi
Ciao ciao
E con le gambe, con il culo, coi miei occhi
Ciao ciao
E con la testa, con il petto, con il cuore
Buonanotte, bonne nuit
E bonne nuit e ciao ciao
Buonanotte, è la fine, ti saluto
Ciao ciao
Buonanotte, bonne nuit
E bonne nuit e ciao ciao
Ciao ciao
Ciao ciao
Mentre mangio cioccolata in un locale
Mi travolge una vertigine sociale
Mentre leggo uno stupido giornale
In città è scoppiata la guerra mondiale
E con le mani, con le mani, con le mani
Ciao ciao
E con i piedi, con i piedi, con i piedi
Ciao ciao
Con le mani, con le mani, con le mani
Ciao ciao
Con i piedi, con i piedi, con i piedi
Ciao ciao
E con la testa, con il petto, con il cuore
Ciao ciao
E con le gambe, con il culo, coi miei occhi
Ciao

E il VIDEO con un inedito Peter Gomez in apertura:

Ciao Ciao!

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per greenMe dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook