Buffy Sainte-Marie, la prima attivista indigena del Nord America che ha cantato la verità sui nativi americani in TV

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Musicista, artista, ma soprattutto attivista dei diritti umani, Buffy Sainte-Marie con la sua musica porta avanti da decenni campagne a favore dei popoli indigeni e delle donne, ispirando tante persone a fare lo stesso (ed è stata la prima persona indigena a vincere un Oscar)

“Ascolta il vento che soffia, dove va il vento?” La musica è un potente strumento per condividere cultura, lingua e storie. Unisciti al resto del quartiere mentre ascoltiamo questa canzone classica eseguita da Buffy Sainte-Marie.

Di sottofondo solo il rumore del vento e le sue dita che battono impazienti sul tamburello. Ad ascoltare Buffy Sainte-Marie, ci sono dei bambini orfani che vivono per strada, il suo pubblico preferito.

“Ascolta il vento che soffia, dove va il vento? La musica è un potente strumento per condividere cultura, lingua e storie”, canta Buffy Sainte-Marie.

Musicista, artista, ma soprattutto attivista dei diritti umani perché con la sua musica porta avanti da decenni campagne a favore dei popoli indigeni e delle donne, ispirando tante persone a fare lo stesso.

Prima pop star nativa americana che ha raggiunto fama internazionale, Buffy Sainte-Marie è stata anche la prima indigena a vincere l’Oscar nel 1983 “Up Where We Belong”, una canzone contenuta in An Officer and a Gentleman .

È stata la prima guest star indigena ricorrente in Sesame Street, ricevendo numerosi premi e onorificenze, tra cui l’inserimento nella Canadian Songwriters Hall of Fame. Ma bravura a parte, la pop star ha sempre tratto forza dalla sua identità indigena manifestando contro lo sfruttamento dei nativi americani.

Nata il 20 febbraio 1941 nella riserva  indiana Piapot nella Qu’Appelle valley nel Canada centrale, laureata in Filosofia e diplomata in Belle arti, Buffy Sainte-Marie nei suoi testi racconta proteste, storie di sfruttamento, storie di violenza contro i nativi e contro le donne trasmettendo soprattutto ai bambini, l’importanza di non rinnegare mai le proprie origini e la propria cultura. Non a caso Universal Soldier è la canzone di protesta più celebre di sempre.

Oltre che collaborare con diverse università, Buffy Sainte-Marie nel 1996 ha fondato il Cradleboard Teaching Project, un programma educativo dedicato alla cultura dei nativi americani. Ai tanti bambini a cui regala momenti di felicità con la sua musica insegna ad essere orgogliosi della loro provenienza, ad essere liberi e non farsi scalfire dai pregiudizi. Non a caso, la musicista è stata anche la prima ad allattare suo figlio in tv.

Fonte:Buffy Sainte-Marie

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook