Banksy mette all’asta una sua celebre opera per trasformare l’ex carcere di Reading in un centro culturale

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Banksy mette all'asta lo stencil di una sua opera per salvare la prigione di Oscar Wilde e convertirla in un centro culturale

L’ex carcere di Reading, dove fu rinchiuso anche Oscar Wilde, è stato messo in vendita e ha già trovato degli investitori che intendono trasformarla in un complesso residenziale di lusso. Ma le cose potrebbero cambiare grazie all’intervento di Banksy: il celebre artista, dall’identità misteriosa, ha infatti annunciato di voler mettere all’asta lo stencil usato per la sua opera, realizzata lo scorso marzo sulle mura dell’edificio, che raffigurava un prigioniero in fuga con una fune fatta di lenzuoli e legata ad una macchina da scrivere. 

L’obiettivo dello street artist di Bristol è riuscire a raccogliere almeno 10 milioni di sterline in modo da superare l’offerta degli investitori e acquistare l’immobile in modo da convertirlo in un certo culturale aperto a tutti i cittadini. 

“Convertire il luogo che ha distrutto Wilde in un rifugio per l’arte è così perfetto che dobbiamo farlo” ha dichiarato Banksy alla BBC. 

Lo scrittore e drammaturgo irlandese fu rinchiuso nella prigione nel 1895 per l’accusa di sodomia. E a questa traumatica esperienza dedicò poi il componimento “La ballata del carcere di Reading”.

Leggi anche: Banksy finanzia barca per salvare i rifugiati nel Mediterraneo. La bambina col palloncino ora ha in mano un salvagente

Un bel regalo fatto alla collettività 

La mobilitazione di Banksy per salvare questo simbolico edificio è stata molto apprezzata da tanti enti e figure istituzionali, tra cui il deputato laburista Matt Rodda di Reading East.

Banksy è stato incredibilmente generoso e questo è il miglior regalo di Natale che Reading possa desiderare – ha commentato – Ho parlato con Banksy e la sua squadra per alcuni mesi e sono rimasto colpito dal suo impegno per salvare la prigione. Vede davvero il potenziale in questo importante edificio storico, che non solo ha collegamenti con Oscar Wilde, ma è costruito sopra il sito dell’ex Abbazia di Reading, dove fu sepolto il re Enrico I. Spero che il governo ora ascolti e consideri questa offerta – sia i soldi del consiglio che della comunità artistica – e ci aiuti a trasformare il carcere in un centro artistico per la nostra comunità e il paese.

Anche secondo Toby Davies, direttore artistico del Rabble Theatre di Reading, rifiutare l’offerta di Banksy sarebbe folle, anzi un atto criminale. Riuscirà il genio ribelle della street artist anche in questa impresa?

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Fonte: BBC

Leggi anche:

 

 

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo all'Università La Sapienza, ha collaborato con Le guide di Repubblica e con alcune testate siciliane. Appassionata da sempre al mondo del benessere e del bio, dal 2020 scrive per GreenMe

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook