Angelo Moriondo, chi è il papà della macchinetta del caffè

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Chi era Angelo Moriondo, l'imprenditore torinese - a cui oggi Google dedica un meraviglioso Doodle - che ha dato vita a una delle invenzioni più amate in Italia e nel mondo: la macchinetta per il caffè espresso

Se oggi nei bar e in casa nostra possiamo assaporare la bontà del caffè espresso, lo dobbiamo innanzitutto a Angelo Moriondo, torinese che brevettò – nel lontano 1884 – l’iconica macchinetta che conosciamo tutti.

A papà della macchina dell’espresso oggi Google ha voluto dedicare uno splendido Doodle, in occasione del suo 171esimo compleanno. “Un onore realizzare la grafica per una invenzione così tanto amata nel mondo” ha commentato la graphic designer Olivia When che ha realizzato il disegno con dei pennelli, usando proprio la popolare bevanda invece dei colori.

caffe doodle

©Google

 

La storia di Angelo Moriondo

Angelo Moriondo nacque il 6 giugno 1851 a Torino in una famiglia dal forte spirito imprenditoriale. Suo nonno, infatti, aveva fondato un’azienda di liquori che poi tramandò al figlio. Quest’ultimo, insieme al cugino e al fratello, diede vita alla celebre ditta di cioccolato  la famosa cioccolateria “Moriondo e Gariglio” di Torino, che poi si spostò a Roma.

Anche Angelo Moriondo mostrò ben presto le sue aspirazioni imprenditoriali, acquistando due locali: il Grand-Hotel Ligure nella centrale Piazza Carlo Felice e l’American Bar nella Galleria Nazionale di Via Roma. Nonostante il caffè fosse molto amato, Moriondo si accorse che l’attesa per avere un caffè era davvero troppa. Da qui l’intuizione di creare un dispositivo che permettesse di preparare più tazzine di caffè nello stesso momento. La sua innovativa macchinetta per caffè espresso venne presentata all’Expo Generale di Torino nel 1884, dove ottenne la medaglia di bronzo.

Così, l’imprenditore torinese riuscì a mettere a punto un sistema per preparare fino a circa 10 tazzine di caffè ogni due minuti: proprio per la velocità con cui veniva realizzato si iniziò a parlare di “espresso”. Negli anni successivi Moriondo ha continuato a perfezionare la sua straordinaria invenzione, che ha in qualche modo ha rivoluzionato la vita a tutti noi.

Seguici su Telegram Instagram Facebook TikTok Youtube

Fonte: Google 

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo all'Università La Sapienza, ha collaborato con Le guide di Repubblica e con alcune testate siciliane. Appassionata da sempre al mondo del benessere e del bio, dal 2020 scrive per GreenMe

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook