Probiotici e ‘fermenti lattici’: sono davvero utili? E in caso di antibiotici?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

I probiotici includono batteri e lieviti la cui assunzione si ritiene possa migliorare il benessere intestinale e la salute in generale. Nonostante questa diffusa credenza, però, le prove a sostegno dei benefici dei probiotici sono limitate e spesso si riferiscono a casi isolati.

Un recente studio ha infatti dimostrato che nella maggior parte dei casi assumere integratori a base di probiotici non sortisce alcun effetto, mentre in alcune situazioni trattamenti a base di probiotici possono risultare addirittura dannosi.

Per valutare il reale l’effetto dei probiotici, l’immunologo Eran Elinav del Weizmann Institute of Science di Israele, ha analizzato direttamente il microbiota delle persone attraverso endoscopie e colonscopie per valutare le differenze tra chi ha assunto probiotici e chi invece ha assunto un placebo.

Il professor Elinav e il suo team hanno scoperto innanzitutto che i campioni fecali non sono rappresentativi di ciò che accade a livello intestinale.

Inoltre poiché esistono notevoli differenze nel microbiota delle persone, somministrare a tutti lo stesso mix di microrganismi non dà gli stessi risultati e in alcuni partecipanti, i probiotici non hanno sortito alcun effetto degno di nota. Per ottenere benefici dall’assunzione di probiotici, ognuno dovrebbe seguire un trattamento su misura.

È poi una credenza diffusa che dopo una cura con antibiotici, un trattamento con i probiotici possa aiutare a ripristinare il microbiota intestinale. In un altro studio i ricercatori hanno allora somministrato probiotici ai partecipanti dopo un ciclo di antibiotici.

In questo caso, i probiotici hanno prontamente colonizzato l’intestino ma hanno assunto il controllo in modo eccessivo, impedendo o rallentando il ripristino del microbiota originale. Questo suggerisce che l’assunzione di probiotici può essere controproducente in alcuni casi.

Nel complesso, i risultati pongono numerosi dubbi sull’efficacia dei probiotici e dei cosiddetti fermenti lattici: assumere microrganismi per migliorare lo stato di salute del microbiota e dell’organizmo sembra essere efficace solo in alcune persone e addirittura dannoso in certe situazioni.

Leggi anche:

Tatiana Maselli

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze e Tecnologie Erboristiche, redattrice web dal 2013, ha pubblicato per Edizioni Età dell’Acquario "Saponi e cosmetici fai da te", "La Salvia tuttofare" e "La cipolla tuttofare".
Schär

Quando il senza glutine incontra il biologico: nasce la linea Schär BIO

Quercetti

Questi giocattoli sono riciclabili e organici: stimolano la fantasia e insegnano a rispettare l’ambiente

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook