Le cucine plastic free che durano una vita

Maxi sequestro di integratori alimentari adulterati negli Usa

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La US Marshals Service, l’agenzia federale di polizia statunitense, ha sequestrato – su richiesta della Food and Drug Administration – più di 207mila unità di integratori alimentari e ingredienti dietetici sfusi contenenti kratom, tra cui oltre 34mila chilogrammi di kratom sfuso, perché considerati rischiosi per la salute pubblica.

I prodotti sequestrati valgono circa 1,3 milioni di dollari e sono oggetto di una causa intentata in Florida dal Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti (DOJ). 

Gli integratori alimentari sono prodotti dalla Atofil LLC, che ha sede a Fort Myers, in Florida, ed è una sussidiaria della Premier Manufacturing Products, e sono commercializzati con i marchi:

  • Boosted Kratom
  • The Devil’s Kratom
  • Terra Kratom, Sembuh
  • Bio Botanical
  • El Diablo

Vi è una notevole preoccupazione per quanto riguarda la sicurezza del kratom, il rischio che può rappresentare per la salute pubblica e il suo potenziale abuso – scrivono dalla FDA in una nota -. La FDA continuerà ad esercitare la piena autorità ai sensi della legge per agire contro questi integratori alimentari adulterati come parte del nostro impegno costante per proteggere la salute del popolo americano. Inoltre, attualmente non ci sono usi approvati dalla FDA per il kratom.

Cos’è il Kratom

Originarie della Malesia (ma anche Thailandia, Indonesia e Papua Nuova Guinea), le foglie della pianta del Kratom (Mitragyna speciosa) sono tradizionalmente schiacciate e trasformate in tè per il trattamento del dolore e contro la dipendenza da eroina, morfina o altre droghe (i principi attivi presenti nell’erba sarebbero in grado di tenere a bada le crisi di astinenza). In genere è venduto sotto forma di polvere, pillole, capsule o bevande energetiche nei negozi e nei distributori di benzina della Lehigh Valley (Pennsylvania). 

Dato che il numero delle persone vittime di overdose da oppioidi sale di anno in anno, il Kratom è diventato un’opzione interessante. Ma si tratta di un prodotto sicuro? Su questo aspetto non vi è ancora completa chiarezza, ma sembra chiaro che il consumo di kratom può portare a una serie di effetti sulla salute, tra cui, tra gli altri:

  • depressione respiratoria
  • vomito
  • nervosismo
  • perdita di peso
  • costipazione

In più, come scrivono dalla FDA, è stato indicato che il kratom ha effetti sia narcotici che stimolanti e che i sintomi di astinenza possono includere ostilità, aggressività, lacrimazione eccessiva, dolori muscolari e ossei e movimenti a scatti degli arti.

L’uso di questa pianta non è regolamentata in tutti gli stati (in Pennsylvania ad esempio è legale), tanto che la FDA già si era espressa in merito: già nel 2018, infatti, la Food and Drug Administration aveva definito il Kratom un pericoloso oppioide, così come il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti, sempre per conto della FDA, ha presentato una denuncia presso la Corte distrettuale degli Stati Uniti per il distretto centrale della Florida sostenendo, tra le altre cose, che il kratom è un nuovo ingrediente dietetico per il quale non ci sono informazioni adeguate per fornire una ragionevole garanzia che non presenti un rischio significativo o irragionevole di malattia.

Per questo motivo, dicono, gli integratori alimentari e gli ingredienti dietetici sfusi che sono o contengono kratom sono da considerarsi adulterati ai sensi della legge federale su alimenti, farmaci e cosmetici.

Fonte: FDA

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per greenMe dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook