@miyazaki11/123rf

Effetti collaterali e cose da sapere prima di assumere la polvere di maca

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La polvere di maca è ricca di proprietà ma non tutte sono confermate dalla scienza. Attenzione anche ai possibili effetti collaterali

La polvere di maca è un rimedio naturale molto popolare, in particolare per migliorare il tono dell’umore, aumentare l’energia e favorire la libido. Ma cosa c’è di vero e quali sono i possibili effetti collaterali della maca? (Leggi anche: Maca: benefici, usi (ed effetti collaterali) della radice peruviana che aumenta desiderio e fertilità)

A volte in caso di forte stanchezza, tono dell’umore basso e scarsa libido viene consigliato di assumere la maca, un rimedio popolare che arriva da lontano. Gli abitanti delle Ande la utilizzano da secoli per trattare in maniera naturale una serie di disturbi fisici e psicologici.

Quella che viene comunemente chiamata maca è la radice della pianta botanicamente nota come Lepidium meyenii, della stessa famiglia della senape conosciuta anche come “Ginseng peruviano”. Il nome però non deve ingannare, con il più comune ginseng infatti non ha nulla a che fare.

Attualmente, il modo più comune per assumere la maca è acquistare la polvere, una sorta di integratore dosabile che può essere miscelato ad esempio a  bevande o frullati.

Ma è davvero così efficace e a cosa bisogna fare attenzione prima di assumere la polvere di maca? 

Come molte altre alternative popolari, i benefici presunti e quelli scientificamente provati non sempre coincidono. C’è da considerare poi che le ricerche scientifiche sulla maca non sono numerose e spesso sono state condotte su animali. Dunque per confermarne l’attendibilità è necessario approfondire con ampi studi sull’uomo.

Ecco cosa dobbiamo sapere sulla maca prima di assumerla.

Libido 

Tante persone assumono polvere di radice di maca per la sua capacità di aumentare la libido. Ma funziona davvero? “Nessuno lo sa” ha dichiarato la dottoressa Flora Waples,  direttore medico presso il Restor Medical Spa.

“Sebbene le affermazioni che migliori la libido siano state fatte sulla base di usi tradizionali, ad oggi non ci sono stati studi conclusivi sugli esseri umani” .

La dottoressa Waples conferma però una proprietà importante della radice di maca: la capacità di aiutare la motilità degli spermatozoi e quindi i vantaggi per la fertilità.

“Esiste un corpo di prove in lenta crescita che indica che la radice di maca migliora la motilità degli spermatozoi, il che potrebbe migliorare la fertilità. (…) Tuttavia, resta ancora molto lavoro da fare e l’esatto meccanismo molecolare di questo non è ancora certo “.

Disfunzione erettile 

Un’altra credenza popolare sulla maca la ritiene capace di trattare la disfunzione erettile. Ma da un punto di vista scientifico questo non è affatto certo.

Una revisione del 2016 di vari studi clinici pubblicati sulla rivista Maturitas  ha trovato “prove suggestive dell’efficacia della maca nel migliorare la qualità dello sperma” ma non della capacità di agire sulla disfunzione erettile. 

La dottoressa Karyn Eilber, urologo presso il Cedars-Sinai, ritiene che la maca possa migliorare la disfunzione erettile, così come la bassa libido e in proposito ha dichiarato che:

“Ci sono studi che mostrano un miglioramento del desiderio sessuale con la maca rispetto al placebo, ma il modo esatto in cui funziona non è noto”.

Tuttavia, la dottoressa Waples rimane scettica:

“Non sono a conoscenza di studi di alta qualità che mostrano miglioramenti reali nella funzione erettile. La difficoltà in questo tipo di studio spesso deriva dal fatto che le risposte sessuali umane sono note per essere molto inclini all’effetto placebo”.

Insomma, se un uomo pensa che un rimedio funzionerà, spesso questo si avvera, il che potrebbe  però distorcere i dati di eventuali studi.

Maggiore energia

Spesso chi assume maca lo fa per la sua capacità di aumentare l’energia. Anche in questo caso la dottoressa Waples smorza gli entusiasmi dicendo che non ci sono prove conclusive che abbia tale proprietà.

In effetti esistono al momento principalmente studi su animali che hanno esaminato l’aumento di energia e solo un piccolo studio su ciclisti maschi suggerisce che la maca possa aumentare la resistenza. Dunque sono necessarie ulteriori ricerche per confermare o meno tale potenzialità. 

Depressione

Si ritiene che la polvere di maca possa  aiutare contro la depressione e favorire un umore migliore. Ma come per gli altri punti c’è ancora molto da approfondire a livello scientifico.  

La dottoressa Waples ritiene che la maca si sia dimostrata promettente nei confronti di alcuni problemi di umore.

“Nel corso degli anni ci sono state affermazioni che può aiutare una varietà di condizioni neurologiche Ma, come con altre affermazioni, è impossibile dire se si tratta di un effetto placebo. Non ci sono ancora dati chiari su nessuna di queste affermazioni”.

Problemi ormonali

Durante la menopausa, o nel periodo immediatamente precedente, le donne possono improvvisamente sperimentare una serie di problemi, tra cui le famose vampate di calore, secchezza vaginale, insonnia e sbalzi d’umore.

In quanto adattogeno,  si pensa che la maca aiuti ad affrontare tali problemi ed effettivamente rimedi come questa radice sono noti per ridurre gli effetti dello stress, supportare il sistema immunitario e aiutare a bilanciare gli ormoni. Di conseguenza è possibile che la maca aiuti  concretamente ad alleviare vari problemi legati al sistema riproduttivo femminile. 

In effetti una revisione di alcuni studi precedenti condotta su donne in menopausa ha rilevato che la maca è effettivamente efficace nel ridurre i sintomi della menopausa. 

Avvertenze ed effetti collaterali

Così come per tutti gli altri rimedi naturali o integratori, anche prima di assumere maca sarebbe bene consultare il proprio medico.

Nella polvere di maca un possibile problema di sicurezza è rappresentato dalla presenza al suo interno di MTCA che:

“è un inibitore della monoamino ossidasi, che è una classe di composti che possono aumentare la pressione sanguigna e la frequenza cardiaca e interagisce pericolosamente con alcuni farmaci da prescrizione” spiega la dottoressa Waples aggiungendo che non è noto se questo composto sia disattivato o meno dalla cottura.

Si sconsiglia inoltre alle donne incinte o che allattano di assumere maca ma anche:

“coloro che hanno condizioni sensibili agli ormoni ad esempio chi ha cancro, endometriosi o fibromi uterini dovrebbe considerare di evitare la maca, poiché gli estratti di maca possono agire come estrogeni”.

La polvere di maca è sconsigliata anche in caso di problemi alla tiroide (in particolare ipotiroidismo) in quanto contiene alcune sostanze che possono interferire con la normale funzione della ghiandola tiroidea. 

Anche chi è sano e assume maca deve farlo sempre con la massima cautela considerando che, anche se si tratta di un estratto vegetale, può avere comunque un effetto molto forte sull’organismo.

Fondamentale seguire sempre le indicazioni per assumere la maca presenti sulla confezione o specificate dal proprio medico e non superare il dosaggio raccomandato.

Fonte: The Healthy

Sulla maca leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, consumi e benessere olistico. Laureata in lettere moderne, ha conseguito un Master in editoria
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook