Curcuma: come sbloccare e attivare il suo vero potenziale

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Gli studi scientifici pubblicati sulla curcuma sono innumerevoli e potrebbero riempire una intera biblioteca. Ogni mese sono oltre cento le pubblicazioni scientifiche pubblicate nelle riviste più prestigiose nelle quali sono ampiamente confermate le innumerevoli proprietà della curcumina, un estratto del rizoma della pianta della Curcuma Longa della famiglia delle Zingiberacee, e conosciute da millenni.

Quello che forse è meno noto è la scarsa biodisponibilità della sostanza e pertanto l’inutilità, per fini nutraceutici dell’impiego della polvere di curcuma nell’uso quotidiano.

La sostanza presenta alcune problematiche a livello metabolico e pertanto i risultati straordinari riscontrati nelle analisi di laboratorio in vitro non si traducono esattamente nelle prove in vivo.

astuccio ondefence

In primo luogo la Curcuma ha mostrato una instabilità chimica ossia è una sostanza con una rapida degradazione e autossidazione, ha una marcata foto-reattività ed è piuttosto labile e Ph dipendente.

La curcuma ha anche una instabilità metabolica, ossia perde la propria bioattività una volta che è passata dal fegato; la sostanza a livello epatico subisce una glucoronazione ed una solfatazione che le fanno perdere le caratteristiche insite e la rendono inattiva.

A questo dobbiamo aggiungere che la curcuma è insolubile in acqua (e quindi scarsamente assimilabile) e potremmo definire esagerata la propria ipereattività.

L’insieme di tutte queste caratteristiche rendono la sostanza poco utilizzabile ai fini di una efficace integrazione funzionale.

La BAIF International Products New York, da quarantanni studia formulazioni e realizza prodotti che garantiscano efficacia e assenza di effetti collaterali.

La formulazione a base di curcuma Ondefence® è stata pertanto studiata per massimizzare la biodisponibilità della curcumina, la sostanza attiva della curcuma.

Gli obiettivi primari per la realizzazione della nostra formulazione sono il raggiungimento dell’idrosolubilità della curcumina e il successivo superamento del passaggio epatico senza perdita di bioattività.

La solubilità è un aspetto molto importante, infatti aumentando la solubilità in acqua si garantisce la veicolazione della sostanza nel sangue.

Abbiamo quindi studiato una sinergia di componenti che potesse aiutare la curcuma a sciogliersi in acqua. Un test di dissoluzione, effettuato da un laboratorio terzo, ha messo a confronto Ondefence® con il prodotto più diffuso nel mondo a base di curcuma.

Il risultato ha dimostrato una netta differenza della percentuale di dissoluzione a favore di Ondefence®.

Il grafico che riportiamo qui sotto, evidenzia un’idrosolubilità di più del 20% di Ondefence® rispetto al prodotto a base di curcuma comparato.

grafico dissolution test

Il secondo obiettivo è stato quello di migliorare il metabolismo della sostanza; non ci siamo accontentati di migliorare la solubilità in acqua, ma abbiamo cercato di evitare che la curcuma possa essere inattivata dagli enzimi epatici di FASE II.

L’utilizzo di dosi, assolutamente minime e senza effetti collaterali, di Pepe Nero consente l’interferenza con gli enzimi di fase II, inibendoli e consentendo alla curcumina di non essere coniugata a livello epatico e di essere successivamente assimilata.

In particolare abbiamo utilizzato la Bioperina®, (un estratto purissimo del pepe nero a base dell’alcaloide piperina standardizzato al 95%).

Ondefence® si caratterizza anche per le massime titolazioni di principi attivi dei componenti utilizzati.

Ogni compressa di Ondefence® contiene 500 mg di curcuma, titolati al 95% in curcumina; ciò significa che per ogni compressa si assume 475 mg di principio attivo, una quantità maggiore e notevolmente superiore rispetto ai prodotti a base di curcuma in commercio.

La quantità di curcumina assunta con una compressa di Ondefence® corrisponde al consumo di 1 chilo di curcuma; ci sentiamo quindi di poter affermare, senza tema di smentita che l’uso della polvere in cucina è del tutto inutile sia per la scarsa biodisponibilità, spiegata in precedenza, e sia per le quantità irrisorie di principio attivo che si assumerebbero.

In sintesi possiamo quindi dire che l’integratore Ondefence® garantisce la massima efficacia grazie a:

MASSIMA TITOLAZIONE

MASSIMA IDROSOLUBILITÀ

MASSIMA BIODISPONIBILITÀ

SUPERAMENTO METABOLISMO EPATICO

Una compressa contiene:

  • 500 mg di Curcuma
  • di cui 475 mg in Curcumina
  • 1,1 mg di Bioperina (Piper Nigrum)
  • di cui 1 mg in Piperina

Si consiglia l’assunzione di 1 – 2 compresse al giorno.

Per maggiori informazioni, visita il sito: baifinternational.it

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Schär

Celiachia o sensibilità al glutine? Come ottenere una corretta diagnosi

TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

Cristalfarma

Come gestire nel proprio piccolo disturbi d’ansia e stress di uno dei momenti storici più difficili

NaturaleBio

Cacao biologico naturale, in granella o in polvere: benefici e ricette per portarlo in tavola con gusto

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook